rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Autismo, i fratelli Tercon di Italia's Got Talent: "Se Grillo ha offeso Toninelli è solo un bullo"

I riminesi Damiano e Margherita girano l'Italia parlando della sindrome di Asperger e in aprile saranno a Rimini

Il ciclone Beppe Grillo, nello spettacolo "Insomnia", in scena mercoledì al teatro Titano di San Marino, ha sparato a zero su diversi politici. Quando è arrivato il turno del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli, il perfomer ha però toccato un tasto che ha irrigidito il pubblico. Il comico lo ha definito come una persona con una "leggera sindrome di Asperger". Offesa o ironia tirata per i capelli? Il confine è sottile e gli spettatori sono rimasti gelati tanto da far abbassare il tiro all'attore genovese che ha continuato dicendo: "Un po' l'abbiamo tutti".

C'è chi all'uscita è rimasto infastidito e chi non ha vissuto la battuta come un attacco. Il dubbio rimane. Anche a Damiano Tercon e a sua sorella Margherita, che alcune settimane fa hanno portato con simpatia l'autismo sul palco di Italia's Got Talent conquistando pubblico e giurati. Con delicatezza i fratelli riminesi hanno raccontato e condiviso la condizione di Damiano, 37enne autistico con la sindrome di Asperger media, una patologia legata alla sfera dell'autismo. "Sulla sindrome si può scherzare e può farlo chiunque, non solo chi la vive in prima persona - spiega Damiano - ma sempre se c'è un fine positivo. Al contrario, si crea una situazione stupida e sgredevole. Io e Margherita vogliamo sottolineare gli aspetti positivi e non i limiti. Posso fare un sacco di cose come tutti", spiega Damiano che non perde il buonumore. "Altrimenti si cade nel pregiudizio", incalza la sorella, diventa una forma di bullismo che si perpetua, come a scuola quando ti prendono in giro per una condizione di disagio".


Si è sentito offeso?
"Diciamo che sono d'accordo con Grillo che la sindrome di Asperger ce l'abbiamo un po' tutti. E poi vorrei capire in che senso ce l'avrebbe Toninelli perché è una sindrome difficile da definire, ci sono diverse tipologie di gravità. Ridicolizzarla non aiuta nella consapevolezza, ma diffonde ignoranza e si trasforma in un insulto".

I fratelli Tercon sul palco di Italia's Got Talent

Come l'ha vissuta da bambino e come la vive oggi?
"Grazie ai percorsi e alle attività che mi hanno fatto fare i miei genitori sono migliorato molto. Da piccolo stavo chiuso nel mio guscio, i miei giochi non erano gli stessi degli altri bimbi, mi divertivo a far roteare i coperchi delle pentole, guardavo i ventilatori girare e giocavano con le luci, le accendevo e spegnevo a ripetizione".


Come è cambiata la vita dopo il programma tv?
"Ci invitano a eventi per promuovere e sensibilizzare sull'autismo. Con Margherita faremo una serata a Firenze, sarò ospite a un incontro a Milano nell'azienda dove lavora mia sorella, andremo a Verona e il 26 aprile parleremo della sindrome di Asperger nel Liceo psicopedagogico Valgimigli di Rimini e la sera saremo a Ravenna. Sarà bello incontrare tanti ragazzi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autismo, i fratelli Tercon di Italia's Got Talent: "Se Grillo ha offeso Toninelli è solo un bullo"

RiminiToday è in caricamento