Riccione, sostegno all’affitto: oltre 360 domande nel 2014

Una decina le domande pervenute ad oggi, tutte accolte per un contributo medio a nucleo familiare di oltre 5.000 euro. Della somma a disposizione per la morosità incolpevole di 83mila euro, sono ancora disponibili 33.500 euro

L’Amministrazione Comunale conferma le politiche di sostegno all’abitazione. Sono diversi gli strumenti cui accedere per coprire le spese di affitto.Al fondo regionale per la locazione, comprensivo anche di un contributo comunale, pari complessivamente a 170mila euro, nel 2014 tramite bando, hanno presentato domanda 364 nuclei familiari, di questi ne sono state accolte 320. Suddivise in due fasce in base al calcolo Ise, nello specifico hanno richiesto un contributo 195 famiglie della fascia con reddito Ise non superiore a 13.035 euro e in 125 con valori Ise tra 13.035 e 34.308 euro. Contributo parametrato all’entità del canone di locazione.

Un’opportunità di sostegno, quella dei contributi regionali per l’affitto alla quale si affiancano i contributi erogati totalmente dal comune di Riccione. Quest’ultimi, dal primo gennaio al trenta agosto 2015, hanno soddisfatto le domande di 80 famiglie per un contributo complessivo di oltre 98mila euro. “L’azione di sostegno alle famiglie in difficoltà per quanto riguarda la casa - afferma l’assessore alle Politiche Abitative Laura Galli - passa attraverso più percorsi in grado di far fronte ad esigenze immediate come ad esempio un infortunio o la necessità di ricevere un alleggerimento all’incombenza di pagare l’affitto mensile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ ancora aperto, fino ad esaurimento delle risorse disponibili, il bando a sostegno degli inquilini morosi incolpevoli, ossia coloro che si trovano nella impossibilità di pagare il canone d’affitto per condizioni di disagio economico dovuto alla perdita di un’occupazione per licenziamento, cassa integrazione, per il mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipico, la cessazione di attività da libero professionisti, infortuni o malattie gravi. Una decina le domande pervenute ad oggi, tutte accolte per un contributo medio a nucleo familiare di oltre 5.000 euro. Della somma a disposizione per la morosità incolpevole di 83mila euro, sono ancora disponibili 33.500 euro. Il contributo massimo erogabile a nucleo familiare per sanare i singoli casi di morosità incolpevole, è di 8.000 euro. Tra i requisiti richiesti: la titolarità di un contratto di locazione regolarmente registrato ad uso abitativo e i destinatari di un atto di intimazione di sfratto per morosità ad esclusione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento