Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Bellariva / Viale Regina Elena

Sotto l'effetto delle droghe aggredisce agenti e sanitari e devasta un'ambulanza

Inutile l'utilizzo dello spray al peperoncino per riportarlo alla calma, necessario l'intervento di quattro pattuglie per immobilizzare l'esagitato

E' stato necessario l'intervento di quattro pattuglie, tre della Municipale e una dei carabinieri, per immobilizzare un esagitato che nella serata di giovedì ha aggredito gli agenti e devastato un'ambulanza e il cancello d'ingresso di un albergo. tutto è iniziato verso le 20 quando, in viale regina Elena a Rimini, una pattuglia della polizia Locale ha notato un uomo che procedeva zigzagando in sella a uno scooter e suonando insistentemente il clacson. Un comportamento che ha rischiato di causare diversi incidenti con gli altri veicoli in strada e, allo stesso tempo, di investire i pedoni. Gli agenti hanno intimato l'alt all'uomo, poi identificato per un 53enne già noto alle forze dell'ordine, che in un primo momento ha accettato di buon grado di sottoporsi all'etilometro ma appena messo davanti all'apparecchiatura ha iniziato a dare in escandescenza iniziando ad urlare di essere cardiopatico chiamando di persona il 118 per chiedere l'intervento di un'ambulanza. Nel frattempo la situazione si è surriscaldata con lo scooterista che ha gettato a terra i cappucci dell'etilometro per poi aggredire fisicamente gli agenti che, a questo punto, hanno chiesto rinforzi.

In attesa dell'arrivo di altre due pattuglie della Municipale, l'esagitato ha strappato di mano da un agente la patente che stava controllando per poi avventarsi contro di lui cercando di impossessarsi della pistola. Sul posto è arrivata anche una pattuglia dei carabinieri e, con l'intervento congiunto dei militari dell'Arma, ha permesso di calmare il 53enne che è così salito a bordo dell'ambulanza. Una volta dentro, però, quando l'infermiera gli ha chiesto di indossare la mascherina ha dato nuovamente in escandescenza picchiando la sanitaria e scatenando l'inferno a bordo del mezzo del 118 tanto che è stato necessario aprire gli sportelli per farlo uscire. La sua furia è proseguita in mezzo alla strada e, nonostante gli agenti abbiano utilizzato lo spray al peperoncino per cercare di renderlo inoffensivo, ha scardinato la cancellata di un albergo e quando la dipendente ha cercato di impedirgli l'ingresso nella hall è stata presa a pugni.

Solo l'intervento congiunto di 8 agenti della Municipale e due carabinieri ha permesso di ammanettare il 53enne per poterlo caricare in sicurezza sull'ambulanza e portarlo in pronto soccorso. Visitato dai medici, è risultato essere fortemente intossicato da un mix di cocaina, cannabinoidi e oppiacei ma anche durante gli accertamenti clinici il suo comportamento non è cambiato tanto da mettere a soqquadro l'ambulatorio arrivando a spogliarsi completamente. Alla fine, non senza fatica, i sanitari sono riusciti a sedarlo ed è stato anche trovato in possesso di un coltello con la lama da 16 centimetri.

E' stato quindi arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e per porto abusivo di armi, oltre che denunciato per rifiuto di sottoporsi all'etilometro e guida sotto l'effetto degli stupefacenti con il sequestro dello scooter. Venerdì mattina è stato portato in Tribunale per l'udienza di convalida e anche davanti al giudice ha continuato a dare in escandescenza. Il magistrato ha quindi convalidato l'arresto e disposto la misura cautelare dei domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sotto l'effetto delle droghe aggredisce agenti e sanitari e devasta un'ambulanza

RiminiToday è in caricamento