Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Spaccata di capodanno: identificato l'autore del primo reato del 2020

A tradire il malvivente, autore nei giorni successivi di reati analoghi, sono state le tracce di sangue lasciate sul posto

Erano passati pochi minuti dalla mezzanotte tra il 31 e il 1 gennaio del 2020 quando, a Riccione, un malvivente aveva messo a segno il primo reato dell'anno a Riccione. Durante i festeggiamenti del capodanno, convinto che i botti coprissero il trambusto, aveva divelto un tombino e spaccato la vetrina della Parafarmacia di viale d'Annunzio nella Perla Verde per impossessarsi del registratore di cassa e fuggire. Il ladro, nei giorni successivi, aveva messo a segno altri colpi simili prendendo di mira altre attività tra Riccione e Rimini per le quali era stato già arrestato dalla polizia di Stato. Erano così partite le indagini dei carabinieri che, sui luoghi dei furti, avevano repertato delle tracce ematiche lasciate dal malvivente che si era ferito nel maneggiare la pesante grata di ferro. Allo stesso tempo, era stato possibile recuperare anche le sue impronto digitali. Grazie a questi indizi, gli inquirenti dell'Arma sono riusciti a risalire all'autore: un 19enne di Tricarico, in provincia di Matera, già noto alle forze dell'ordine. Il malvivente è stato quindi denunciato alla Procura della Repubblica allungando sensibilmente il suo curriculum criminale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccata di capodanno: identificato l'autore del primo reato del 2020

RiminiToday è in caricamento