Spaccate, borseggi ed aggressioni: presi i "Bonnie e Clyde" del riminese

Nel mirino farmacie, tabaccherie, aree di servizio, bar, negozi di parrucchiera

Si possono definire i "Bonnie & Clyde" del riminese. Lui ha vent'anni, lei uno in più. Entrambi, di origine campana, sono ritenuti responsabili di ben 13 reati tra furti e rapine concretizzate e tentate. Il tutto nel giro di pochi mesi. Nel mirino farmacie, tabaccherie, aree di servizio, bar, negozi di parrucchiera. Il colpo più violento è stato messo a segno Miramare, il 30 gennaio, quando, per rapinarlo, avrebbero colpito al capo un tabaccaio, con il calcio di una pistola. L'arma non è stata trovata dagli investigatori, né in casa del ragazzo né in casa della fidanzata (in entrambe le abitazioni sono stati ritrovati gli indumenti indossati dai due).

I Carabinieri della tenenza di Cattolica hanno chiuso il cerchio, arrestando in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal giudice per le indagini preliminari Vinicio Cantarini il giovane, domiciliato a Cattolica e già noto alle forze dell'ordine, mentre la ragazza, residente a Coriano, è stata sottoposto all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.  L'attività investigativa è cominciata nel settembre dello scorso anno, dopo il furto con destrezza subìto da una signora dell'est Europa ad una fermata dal bus. La malcapitata era stata derubata della somma di 200 euro. 48 ore più tardi la vittima ha riconosciuto la coppia, allertando il 112 e scattando col telefonino una foto del ventenne.

La complice, accortasi dell'azione, ha strappato dalle mani della donna lo smartphone. Ne è seguita una violenta collutazione durante la quale la straniera è stata colpita con calci e pugni, oltre che esser rapinata del telefonino. Gli inquirenti sono riusciti a risalire ai responsabili attraverso le immagini delle telecamere di videosorveglianza, ma anche intercettazioni telefoniche ed impronte trovate in occasione di un furto commesso in un distributore. In particolare ad inchiodare il giovane anche una cicatrice presente su una mano e alcuni indumenti trovati in casa ed utilizzati in occasione dei furti commessi fino lo scorso gennaio. Il ventenne dovrà rispondere dell'accusa di rapina, tentata rapina, lesioni, violenza privata e danneggiamento; mentre la ragazza di tentata rapina, lesioni e danneggiamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

Torna su
RiminiToday è in caricamento