Spacciatori, ladri e ubriachi, notte di lavoro per i carabinieri di Riccione

I militari dell'Arma impegnati in tutta la Perla Verde per sedare principi di risse e tenere sotto controllo la sicurezza

Gran lavoro di prevenzione per i carabinieri della Compagnia di Riccione impegnati, nella notte tra sabato e domenica, in decine di interventi sul territorio per chiamate al 112 inerenti a ragazzi completamente ubriachi, furti in spiaggia e spaccio di sostanze stupefacenti. Il bilancio ha visto 3 persone finire in manette e numerosi denunciati per vari reati. In particolare, ad essere arrestato per rapina impropria è stato un marocchino 22enne residente a Reggio Emilia, vecchia conoscenza delle forze dell'ordine, notato dai militari dell'Arma nella zona del Marano mentre sfilava dalla tasca di un turista il telefono cellulare. Nel parapiglia, il nordafricano ha cercato di aggredire i carabinieri ed è stato anche denunciato per resistenza. Sempre al Marano, i carabinieri hanno fermato per un controllo un'altro marocchino, di 23 anni, anche lui già noto alle forze dell'ordine. Dagli accertamenti è emerso che sullo straniero pendeva un ordine di arresto in quanto aveva accumulato condanne per reati contro il patrimonio nonché di resistenza a pubblico ufficiale pari ad un anno di carcere.

Verso le 4, invece, i militari dell'Arma hanno arrestato un giovane pusher all'interno di una nota discoteca della collina. Il ragazzo, un 20enne romano, era stato notato mentre confabulava con altri giovani nei pressi dell'ingresso facendo così scattare una perquisizione. Dalle tasche del 20enne sono spuntate 70 dosi di Mdma, 5 grammi di marijuana e 5 di hashish il tutto pronto per essere venduto. Per il romano sono scattate le manette per detenzione ai fini di spaccio. Sempre in una discoteca della Perla Verde, i militari dell'Arma hanno fermato una 20enne sospetta per identificarla. La giovane, non gradendo le attenzioni dei carabinieri si è rifiutata di fornire i documenti e ha iniziato a insultare pesantemente i militari. Invitata a salire a bordo dell’autoradio, la ragazza ha tentato di sottrarsi al controllo spintonando i militari che però sono riusciti a bloccarla e condurla in caserma dove è stata denunciata a piede libero per resistenza. 

Più complessa, invece, la situazione sulla spiaggia del Marano dove, i carabinieri, si sono trovati davanti decine e decine di ragazzi ubriachi. Una situazione esplosiva che è andata avanti fino a notte fonda nonostante, alle 3, fosse scattato il divieto per i locali della zona di servire alcolici ai clienti. Ulteriori accertamenti per 3 locali, sorpresi a continuare a servire alcolici e superalcolici oltre l'orario consentito, ha fatto scattare una serie di sanzioni per un totale di oltre 20mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento