Spaccio di cocaina, "Sahara" frutta 3 arresti

“Sahara”. E' questo il nome dato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Rimini e Prato che ha portato all'arresto di due senegalesi, rispettivamente di 43 e 39 anni ed un algerino di 41 per spaccio

“Sahara”. E' questo il nome dato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Rimini e Prato che ha portato all'arresto di due senegalesi, rispettivamente di 43 e 39 anni ed un algerino di 41 per spaccio di sostanze stupefacenti. Quest'ultimo si trova già in carcere al “Casetti”, mentre il 39enne alla casa circondariale di Prato. Le manette sono scattate in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip su richiesta del pm Davide Ercolani.

Secondo quanto appurato dalle indagini, durate oltre 4 mesi, i tre si rifornivano di cocaina per rivenderla in Riviera attraverso connazionali. A quest'ultimi veniva offerto un appoggio logistico, con appartamenti di cui i tre indagati facevano da garanti. Il 41enne è inoltre stato indagato per aver ceduto in 25 occasioni cocaina ad acquirenti italiani. Nel corso dell'inchiesta sono stati arrestati anche due senegalesi di 18 e 45 anni (trovato con una valigia contenente 300 grammi di cocaina) e due nigeriani di 27 e 32 anni, quest'ultimi trovati con 150 grammi di “neve”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento