Cronaca

Offriva "fumo buono": un altro pusher stanato dalla Polizia

L’uomo è stato avvicinato da un secondo ragazzo, anch’egli straniero, che si è seduto al suo fianco

Sono proseguiti anche giovedì le attività di controllo del territorio predisposti dalla Polizia di Stato per prevenire e contrastare il degrado urbano, per verificare l’osservanza da parte di cittadini stranieri del rispetto della vigente normativa inerente l’ingresso e la permanenza sul territorio nazionale, per contrastare i reati contro la persona ed il patrimonio, nonché lo spaccio di sostanze stupefacenti.  Con l’impiego di diverse decine di persone dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e degli uomini del Reparto a Cavallo della Polizia di Stato sono stati infatti ulteriormente intensificati i controlli nei parchi e le aree verdi della città, nonché presso quelle zone in cui  giunte nei giorni scorsi alcune segnalazioni relative alla presenza di persone sospette e quelle che, da un’analisi dei dati raccolti, sono quelle per le quali si è ritenuto di effettuare ulteriori “approfondimenti”. I risultati non sono mancati: nelle ultime 24 ore, infatti, sono stati due gli arresti effettuati e centinaia gli identificati.

Giovedì mattina, gli stessi poliziotti che il giorno prima nei pressi del lago Mariotti nel parco Giovanni Paolo II, erano riusciti a bloccare un cittadino straniero del Gambia, di 21 anni trovato in possesso di marijuana, mentre uscivano dal Palazzo di Giustizia dove avevano partecipato come testimoni al processo per direttissima nei confronti di quello straniero, hanno notato alcuni movimenti sospetti, mentre percorrevano via della Fiera in Rimini all’altezza del bivio stradale che porta al lago Mariotti, hanno notato un cittadino straniero che in sella ad una bicicletta ha raggiunto una panchina a bordo Lago. L’uomo dopo pochi istanti è stato avvicinato da un secondo ragazzo, anch’egli straniero, che si è seduto al suo fianco. Insospettitisi da quello strano incontro, i due poliziotti si sono avvicinati senza farsi notare per monitorare quanto stesse accadendo. I sospetti si sono rivelati fondati. Gli agenti infatti, dopo poco tempo, hanno assistito ad uno scambio di un paio di piccoli involucri e del denaro contante: bloccati i due in sicurezza, gli operatori hanno quindi accertato che si trattava di droga (”fumo buono” così come offerto dallo spacciatore). L’uomo è stato quindi arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti, reato per il quale verrà giudicato in mattinata con rito direttissimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Offriva "fumo buono": un altro pusher stanato dalla Polizia

RiminiToday è in caricamento