Kebab connection”, seconda puntata: altri due tunisini in 'rete' per spaccio

Martedì mattina a seguito della direttissima, uno dei due arrestati è stato condannato al divieto di dimora, mentre l’altro, con precedenti specifici a Bologna e che era solito spacciare davanti al Kebab di via dei Mille, è stato condotto in carcere

Ancora due arresti per spaccio di droga ad opera della Polizia Municipale di Rimini. Ieri sera gli agenti del Nucleo Ambientale hanno arrestato due tunisini di 25 e 31 anni, fermati in viale Vespucci dopo aver ceduto dell’eroina ad un giovane. Entrambi erano già noti perché soliti frequentare Borgo Marina, al centro dell’operazione “Kebab connection” contro lo spaccio di droga portata a termine i giorni scorsi.

Martedì mattina a seguito della direttissima, uno dei due arrestati è stato condannato al divieto di dimora, mentre l’altro, con precedenti specifici a Bologna e che era solito spacciare davanti al Kebab di via dei Mille, è stato condotto in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento