Spaccio in flagranza, arrestati a Miramare due tunisini clandestini

Bloccati dal personale della squadra Mobile di Rimini mentre gestivano il giro dello stupefacente seduti ai tavolini di un bar

Nella giornata di martedì il personale della squadra Mobile di Rimini, in un servizio per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti, ha arrestato in flagranza due tunisini, di 28 e 35 anni, già noti alle forze dell'ordine e irregolari sul territorio italiano. Gli agenti, mentre transitavano in via Siracusa, hanno notato i due nordafricani che, con fare sospetto, si aggiravano in via Siracusa. Pochi minuti prima, gli stessi erano stati visti seduti a un tavolino di un bar, noto per il giro di spaccio, in via Mantova. Il fare sospetto dei due tunisini ha insospettito gli agenti che hanno deciso di seguirli. Gli stranieri, dopo aver confabulato tra loro, sono stati avvicinati da una terza persona e, appena è stato notato il passaggio di un involucro, il personale della Mobile è entrato in azione. La perquisizione dei sospetti ha permesso di ritrovare e sequestrare una discreta quantità di sostanza stupefacente, oltre alla somma di denaro contante di 135 euro, ritenuto provento dell’attività di spaccio. Gli arresti sono stati convalidati giudice, il quale ha disposto la misura cautelare del divieto di dimora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento