Si presentano alla cassa automatica e pagano solo pochi spiccioli: ma avevano fatto spesa per 170 euro

Le due donne, dopo essere entrate all’interno di un supermercato in Via della Fiera, hanno iniziato ad aggirarsi con fare sospetto tra gli scaffali, prelevando vari generi alimentari, guardandosi di continuo intorno come per assicurarsi di non essere osservate

Nel weekend pasquale i Carabinieri di Rimini al comando del Capitano Sabato Landi, oltre al contributo fornito nelle attività di verifica delle prescrizioni dettate dalla normativa finalizzata al contenimento dell’epidemia da covid-19, hanno svolto un servizio straordinario di controllo del territorio al fine di prevenire e reprimere i reati in genere e rendere le festività pasquali un momento “sicuro” per i cittadini.

Nell’ambito di tali servizi, nel corso del tardo pomeriggio di sabato i Carabinieri della Stazione Rimini Porto, impiegati nel quotidiano servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto in flagranza, per il reato di furto aggravato, due cittadine moldave da anni residente nel riminese, già note alle forze dell’ordine per i loro precedenti di polizia 

Le due donne, dopo essere entrate all’interno di un supermercato in Via della Fiera, hanno iniziato ad aggirarsi con fare sospetto tra gli scaffali, prelevando vari generi alimentari, guardandosi di continuo intorno come per assicurarsi di non essere osservate. Tale atteggiamento guardingo ha insospettito il personale addetto alla sicurezza che, pertanto, decideva di osservarle a distanza, allertando nel frattempo il numero di emergenza 112 che ha inviato una pattuglia sul posto. Ed infatti le due, dopo aver utilizzato la cassa automatica per pagare quanto da loro riposto nel carrello, si sono allontanate venendo bloccate dal personale addetto alla sicurezza e consegnate ai Carabinieri, giunti nel frattempo sul posto. Dal raffronto tra lo scontrino e la merce i militari hanno accertato che le donne avevano asportato l’etichetta riportante il peso ed il costo reale del prodotto in questione, sostituendola con una da pochi centesimi creata ad hoc nel reparto ortofrutta. Con tale artifizio le donne avevano pagato poco meno di 7 euro per una spesa dal valore di circa 170 euro. La refurtiva, interamente rinvenuta, è stata riconsegnata all’avente diritto. Condotte in caserma, le due donne non hanno potuto fare altro che ammettere quanto loro contestato. Dichiarate in stato di arresto, le due sono state rimesse in libertà in ossequio al dettame di cui all’art. 121 delle disposizioni di attuazione del codice di procedura penale, anche alla luce dell’attuale emergenza sanitaria nazionale.

Inoltre, due donne sono state deferite in stato di libertà per resistenza a pubblico ufficiale: si tratta di una 57enne controllata in piazzale Cesare Battisti, ha da subito assunto un atteggiamento violento nei confronti dei militari, cercando di aggredirli con calci e pugni, venendo prontamente immobilizzata e ricondotta alla calma. Denunciata anche una 29enne, controllata mentre passeggiava senza giustificato motivo in viale regina Margherita. All’atto della contestazione della violazione amministrativa ha dapprima offeso i militari operanti, proferendo frasi ingiuriose nei loro confronti, spintonando successivamente gli stessi al fine di sottrarsi al controllo, colpendo anche con un calcio l’autovettura di servizio, venendo prontamente immobilizzata e ricondotta alla calma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto concerne i servizi finalizzati al controllo delle prescrizioni imposte dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri sul coronavirus, sono oltre 500 le persone controllate nei tre giorni, con un totale di 27 sanzioni amministrative elevate pe il mancato rispetto delle prescrizioni imposte, comminate in grande maggioranza nei confronti di persone che, senza alcun giustificato motivo, si sono allontanate dalle proprie abitazioni per fare una passeggiata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

  • Riempie di botte la compagna, i vicini chiedono aiuto per fermare la violenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento