Cronaca

Spiagge covid-free, la regione pensa a campagna vaccinale per operatori turistici

Bonaccini lancia l'idea di una strada prioritaria riservata per chi lavora sulle spiagge romagnole e nei luoghi di maggiore affollamento turistico

Stefano Bonaccini conferma: la Regione sta valutando la precedenza agli operatori turistici nella campagna di vaccinazione anti-Covid, in modo da avere spiagge 'Covid free' in Romagna e favorire tutto il settore turistico in vista dell'estate. "Visto che stiamo mettendo al riparo la popolazione anziana e le persone fragili - dice il presidente dell'Emilia Romagna a Mattino 5 - stiamo pensando se sulle spiagge romagnole e nei luoghi di maggiore affollamento turistico vaccinare gli operatori, una volta che abbiamo raggiunto i target per età, con una via anche prioritaria".

"Penso che il governo possa prendere in esame una revisione di quell'orario se l'andamento dei contagi continuerà ad essere quello che è. Sperò però che il Governo faccia una revisione di come oggi vengono considerati i dati: l'Rt, che indica la trasmissione dei contagi, a mio parere dovrebbe essere superato da un 'Rt ospedaliero - continua poi Bonaccini parlando del coprifuoco - Noi abbiamo un Rt che si sta avvicinando a 1, però abbiamo il crollo dei ricoveri nei reparti ospedalieri, terapie intensive e reparti Covid. E io credo che l'importante sia che non ci sia più quel sovraffollamento, qui come in tutta Italia, come nei mei scorsi".

"Do dei numeri per chiarire - dice Bonaccini - 3.700 un mese e una settimana fa ricoverati nei reparti Covid, oggi qui sono 1.400 in Emilia-Romagna. 405 in terapia intensiva un mese e una settimana fa, oggi sono 200. Questo significa che il virus ancora colpisce, ma fa meno paura perchè stiamo vaccinando la parte della popolazione più fragile".

“Condivido pienamente le parole del Presidente Stefano Bonaccini che in diretta TV ha aperto alla possibilità di vaccinare in via prioritaria chi presta soccorso in mare e in spiaggia. – dichiara la consigliera regionale Pd Nadia Rossi, che argomenta – Stiamo mettendo al riparo anziani e fragili, con i loro caregiver. Ora pensiamo anche a chi, con l’avvio della stagione balneare nella quale riponiamo aspettative e speranze, deve essere messo in condizioni di garantire benessere agli ospiti delle nostre spiagge e località turistiche. Marinai di salvataggio e bagnini siano quindi ricompresi tra le categorie da vaccinare: chi salva vite in mare e nelle spiagge, quando sappiamo bene che il contatto fisico è imprescindibile, deve essere messo in condizione di farlo in sicurezza, per sé e per i frequentatori degli stabilimenti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spiagge covid-free, la regione pensa a campagna vaccinale per operatori turistici

RiminiToday è in caricamento