rotate-mobile
Cronaca

Spiagge libere, il vademecum per l’estate

Dotate di servizi o totalmente non attrezzate, lungo la costa riminese sono diversi gli spazi di spiaggia libera a disposizione dei turisti o dei cittadini.

Dotate di servizi o totalmente non attrezzate, lungo la costa riminese sono diversi gli spazi di spiaggia libera a disposizione dei turisti o dei cittadini. Accessibili a tutti, le spiagge libere possono essere vissute dall’alba fino a dopo il tramonto: l’accesso infatti è vietato solo dall’1 di notte alle 5 del mattino. Anche per questa stagione balneare ufficialmente al via oggi sono in vigore le consuete regole che consentono una piena vivibilità della spiaggia a garanzia di tutti i bagnanti: le prescrizioni infatti riguardano l’impossibilità per i bagnanti di campeggiare e l’obbligo di rimuovere ombrelloni, lettini e altre attrezzature ogni qualvolta si lascia la spiaggia.

La spiaggia libera più estesa è quella di piazzale Boscovich, lato sud del Porto Canale, punto di riferimento e del cuore per tantissimi riminesi e turisti. Una spiaggia destinata ad essere ancora più accogliente, accessibile e senza barriere grazie al progetto regionale ‘SpiaggiaLiberaTutti’, promosso dal Comune di Rimini per soddisfare le esigenze di tutti gli utenti, compresi quelli con diversi tipi di disabilità (psichiche, sensoriali, motorie) e pensando alle diverse fasce di età.

L’area coinvolta dal primo lotto dei lavori è quella a ridosso del lungomare a lato dell’ex Delfinario e gli interventi saranno realizzati in queste settimane, sulla base delle tempistiche previste dai finanziamenti regionali, mantenendo sempre pienamente accessibile l’ingresso alla spiaggia e in modo da conciliarsi con la presenza e le attività degli utenti. In questa prima fase saranno realizzati otto gazebi/ombrelloni e tre gazebo per attività, oltre ad un manufatto destinato a bagno e doccia. Strutture armonizzate con la spiaggia circostante, dove gli utenti potranno continuare come sempre a posizionare liberamente i propri lettini, ombrelloni o teli. E’ previsto inoltre uno spazio attrezzato rivolto alle utenze più sensibili, per consentire a chi ne avesse la necessità una ‘pausa’ tranquilla dalla giornata in spiaggia. Sarà inoltre realizzata una pavimentazione in pietra naturale di diversi colori, con le piastrelle a fare da way finding intuitivo e dunque a creare percorsi per le diverse funzioni.

Oltre a quella di piazzale Boscovich, le altre spiagge libere di dimensioni estese sono quelle che si trovano vicino al Talassoterapico a Miramare (dal confine col Bagno 150 allo stabilimento di Riminiterme), anch’essa dotata di servizi e la spiaggia nella zona Marano, al confine con il Comune di Riccione. In questi tre tratti di spiaggia libera il servizio di salvamento entrerà in funzione a partire da sabato 1° giugno.

L’altra spiaggia libera attrezzata è presente a San Giuliano mare (zona Darsena), mentre fasce di spiaggia di più piccole dimensioni a libera fruizione sono distribuite tra nord e sud della costa riminese, da Torre Pedrera a Miramare. Anche queste spiagge sono coperte da servizio di salvataggio, in collaborazione con le cooperative che coprono il servizio negli stabilimenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spiagge libere, il vademecum per l’estate

RiminiToday è in caricamento