Uno spettacolo di luci e fuochi inaugura le celebrazioni di Sigismondo

n programma che, aperto col saluto del sindaco di Rimini Andrea Gnassi, si declinerà in un periodo in un arco di manifestazioni che durerà più di un anno

Tutto esaurito in piazza Malatesta per l’apertura ufficiale delle celebrazioni di Sigismondo. Sono stati tantissimi i riminesi che hanno affollato la corte di Castel Sismondo lunedì sera, volendo così partecipare al primo degli appuntamenti promossi dal Comune di Rimini in occasione delle celebrazioni del sesto centenario della nascita di Sigismondo Pandolfo Malatesta, Signore di Rimini e tra gli indiscussi protagonisti del Rinascimento italiano. Un programma che, aperto col saluto del sindaco di Rimini Andrea Gnassi, si declinerà in un periodo in un arco di manifestazioni che durerà più di un anno, fino a ricongiungersi, il 9 ottobre 2018, al cinquecentocinquantesimo dalla morte.

“Non siamo normali – ha esordito provocatoriamente ilsindaco Andrea Gnassi nel suo intervento -. Lo sosteneva Silvano Cardellini nella sua ‘Botta d’orgoglio’, e non diceva una bugia, anzi. Se ci pensate, lo stesso Sigismondo Malatesta è una figura storica difficilmente classificabile nella normalità. Spietato e raffinato, mecenate e distruttore, crudele e sensibile all’arte, bello e ceffo da galera. Novanta chili di contraddizioni, un bipolare ante litteram. Riducetelo voi, uno così, a uno stereotipo culturale. Pensate ad esempio a questa serata: prendono ufficialmente avvio le celebrazioni malatestiane che dureranno oltre un anno, dal seicentesimo della nascita di Sigismondo al 550esimo della sua morte. Solitamente in Italia, e non solo in Italia, questo genere di ricorrenze producono una cascata di convegni e iniziative suggestive, interessanti o meno, in ogni caso che durano lo spazio di un mattino o di una notte. Non lasciano niente. E allora cosa ci siamo inventati, con strategica anticiclica come si dice in linguaggio forbito? Da cicala ci siamo fatti formica. L’anno (malatestiano) che verrà, compresso tra il 600 e il 550 della vicenda umana di Sigismondo, sarà per Rimini quello che le restituirà non tanto uno quanto il tempo, un certo disinteresse, un pizzico di sradicamento, tante vicende dolorose, le hanno tolto nell’ultimo secolo. Perché almeno quattro generazioni di riminesi hanno subito un furto di bellezza, di prospettiva, di identità; e anche di ricchezza; su questo bisogna essere spietati e chiari come lo era proprio Sigismondo".

"Ma ritorniamo alle celebrazioni malatestiane e all’anno di esaltazione della figura di Sigismondo - ha proseguito il sindaco Gnassi -. In questo anno, tra 2017 e 2018, in questo circoscritto quadrante di città avverrà qualcosa di inedito, di mai visto prima: riaprirà il teatro Galli, la piazza tornerà alla sua prospettiva rinascimentale, il Museo Fellini entrerà nel castello per svolgere poi lungo gli spazi che portano al restauro dell’ex cinema Fulgor e quindi al Museo della Città. In poco più di 200 metri il Rinascimento dialogherà con Verdi e con Fellini. E finalmente questi luoghi saranno restituiti alla loro funzione originaria: presidi di civiltà, bellezza, arte, cultura, appartenenza. Io credo che abbiamo scelto un modo bellissimo di celebrare Sigismondo Malatesta, scegliendo la strada più complessa e meno facile: per una volta scegliamo di essere eredi e non solo discendenti. Lo facciamo in questa occasione quando tutto il resto del mondo si sarebbe limitato a fare solo feste e convegni, non siamo normali. Il nostro regalo a Sigismondo, lungo un anno, è in realtà un regalo che facciamo a noi stessi. Meritiamocelo. Anche perché, con la fama sinistra che aleggiava intorno a Sigismondo Malatesta, non vorremmo mai che decidesse di tormentarci nel sonno per un’ignavia collettiva che, ora più che mai, non ha davvero alcuna giustificazione.”

Alle parole del sindaco quelle di Oreste Delucca, lo storico riminese, Sigismondo d’Oro nel 2013, che davanti a un pubblico attento ha raccontato, incalzato dalle domande di Lia Celi e Andrea Santangelo, un’inedita Isotta degli Atti a cui, per la Bookstones Edizioni, ha recentemente dedicato il libro “Isotta degli Atti. L'amore e il potere”. Ed è stato appunto attorno alla figura di questa donna straordinaria che Lia Celi e Andrea Santangelo hanno immaginato e scritto Il Sigismondo non si è fermato mai un momento, il monologo per voce femminile in cui si immagina un’Isotta contemporanea e ironica, che Marina Massironi ha interpretato da par suo per un pubblico attento e coinvolto.

La serata del compleanno è poi chiusa con uno spettacolo di luci e fuochi, che ha dato ufficialmente il via all'anno e mezzo di celebrazioni. Un momento unico e bellissimo che, ricordando l’uomo d’arme che Sigismondo è stato, ha messo Castel Sismondo al centro di uno spettacolo pirotecnico fatto di luci colorate, fumi e cascate di fuoco dalle mura. Uno spettacolo che, oltre dal grande pubblico raccolto in piazza Malatesta, è stato seguito in diretta sui social da centinaia di persone raggiungendo in breve numeri e visioni che già in queste prime ore superano le cinquantamila. L'ingresso a tutte le manifestazioni è libero

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento