Stalking: 100 donne iscritte ai corsi di autodifesa promossi dai carabinieri

Bilancio postivo per l'Arma della provincia di Rimini che anche per il 2014 metterà in campo una serie di iniziative per continuare su questa strada ad un anno dall'istituzione del "rete anti persecuzione" a difesa delle vittime di stalking

Sono state oltre 100 le donne che si sono iscritte ai corsi di autodifesa organizzati in provincia in collaborazione con i carabinieri. Durante gli incontri, oltre a varie tecniche di autodifesa, sono state anche illustrate le modalità per sottrarsi alle eventuali aggressioni da parte di sconosciuti, di ex o di molestatori. Ad un anno dall'istituzione del  "rete anti persecuzione" a difesa delle vittime di stalking, i carabinieri di Rimini tracciano un bilancio di questa esperienza, sicuramente positiva. Le numerose iniziative del 2013 hanno permesso una fattiva collaborazione tra Arma, istutuzioni, associazioni. Grazie a questo è stato possibile raggiungere più cittadini possibili, per informarli e sensibilizzarli sull'argomento. Poter avvicinare in varie modalità, persone che soffrono di questo genere di problemi e che, per diversi motivi, non trovano la forza di denunciare è stato il completamento di una attività di controllo e  monitoraggio. Molte, infine, le segnalazioni di problemi giunte durante gli incontri. Anche per il 2014 verranno promosse una serie di iniziative per continuare su questa strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento