Stalking, a Rimini nove casi in 4 mesi

Si terrà sabato a Rimini, il workshop dal titolo “Stalking, repressione del fenomeno tra associazionismo, prassi giudiziaria e valutazioni psicopatologiche”, alle ore 9 al Palazzo di Giustizia

Si terrà sabato a Rimini, il workshop dal titolo “Stalking, repressione del fenomeno tra associazionismo, prassi giudiziaria e valutazioni psicopatologiche”, alle ore 9, al Palazzo di Giustizia, Aula “Falcone – Borsellino”, viale Carlo Alberto Dalla Chiesa 1. Il seminario si colloca nel contesto di un rilevante bisogno sociale per quanto riguarda la repressione e la prevenzione dei fenomeni di stalking. Si consideri che, come emerge dalla cronaca locale di Rimini e dintorni, negli ultimi 4 mesi i casi di molestie e atti persecutori sono stati ben 9.

Se volessimo fare una media (anche se non rappresentativa statisticamente), si arriverebbe a più di due episodi al mese. Da quanto emerso, risulta come a Rimini si confermino le tendenze nazionali, sotto diversi punti di vista. Innanzitutto, si può affermare che i persecutori sono quasi sempre uomini, anche se esistono limitati casi di donne che attuano persecuzioni nei confronti di ex fidanzati o uomini divenuti oggetti di desiderio. La maggioranza dei persecutori, appunto, è costituita da uomini, che in genere molestano ex partner, a dimostrazione del carattere relazionale del fenomeno.

 Nella maggior parte dei casi le vittime lamentano minacce verbali, anche se non mancano purtroppo gli episodi di violenza fisica, oltre a continue telefonate, appostamenti nei luoghi frequentati quotidianamente dalle vittime, maltrattamenti, ingiurie, pedinamenti, atti intimidatori. Frequenti anche i tentativi di infrazione nelle case delle persone perseguitate, al fine di rubare vestiti e provocare danni ad oggetti.La maggior parte delle vittime non riesce a denunciare il reato in tempi brevi, spesso per paura, per paura di ritorsioni. In questo modo le persecuzioni diventano incubi lunghi anche molti anni.

 In base a quanto appena detto si rende palese l’utilità dell’iniziativa del Codici del 24 novembre, che vedrà il susseguirsi di contributi di professionisti per approfondire la tematica.  Il Codici invita tutti i cittadini che hanno subito e stanno subendo molestie, persecuzioni e comportamenti ascrivibili allo stalking a rivolgersi allo Sportello Codici Rimini di via Tripoli 112, inviando una e-mail agli indirizzi: codici.rimini@codici.org, eventi@codici.org, oppure contattando i numeri di telefono: 0541.784253 / 0541.718313.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento