rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Start Romagna si difende: "I dati della Lega non rappresentano lo stato attuale del parco mezzi"

L'azienda di trasporti: "Per rinnovare gli autobus fatti numerosi investimenti, per gran parte diretti e solo parzialmente integrati da fondi regionali"

In relazione alla segnalazione di un possibile mancato rispetto delle normative ambientali da parte di Start Romagna, l'azienda di trasporti sottolinea che "va innanzi tutto chiarito che il PAIR (Piano Aria Integrato Regionale) 2020 citato nel comunicato della Lega Romagna impone l’eliminazione dai parchi autobus delle motorizzazioni inferiori ad Euro III entro il 2020, prevedendo a tale fino uno stanziamento pari a 160 milioni di euro. Per il perseguimento degli obiettivi di salvaguardia ambientale ai quali Start Romagna, che si occupa di trasporto pubblico e mobilità, non può che essere particolarmente attenta e sensibile, l’azienda ha già compiuto numerosi investimenti, per gran parte diretti e solo parzialmente integrati da fondi regionali".

Il Piano di Investimento di Start per quadriennio 2016-2019 presenta infatti un impegno per il rinnovo del parco che pesa per 34 milioni di €, di cui solo 10,5 a carico regionale, che hanno prodotto l’attuale stato del parco mezzi a Rimini: n. 184 mezzi di cui n. 6 filobus, n. 34 diesel euro II, n. 64 diesel euro III, n. 10 diesel euro IV, n. 17 diesel euro EEV e n. 53 euro VI.

"Per quanto riguarda i prossimi sviluppi - prosegue Start - il Piano di investimenti prevede in acquisizione per il 2019 n.  25 bus EEV e n. 30 bus Euro VI, per un totale di n. 55 mezzi che andranno a sostituire altrettanti bus Euro II. Residueranno dunque 37 mezzi Euro II che potranno essere sostituti grazie agli stanziamenti previsti dal PAIR, nel rispetto delle previsioni regionali, eliminando entro la data prevista del 2020 tutti i bus con motorizzazione inferiore ad euro III. Si rileva infine che la quantità complessiva di autobus alimentati a metano nel parco Start ammonta ad oggi a 121 mezzi, per una incidenza percentuale sul totale del parco pari al 21,4%, percentuale che salirà al 26% nel 2019 grazie alle nuove immissioni già previste".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Start Romagna si difende: "I dati della Lega non rappresentano lo stato attuale del parco mezzi"

RiminiToday è in caricamento