Stop all'espansione urbanistica a San Lorenzo, il Comune di Riccione vince tre ricorsi al Tar

Si tratta di ricorsi presentati da tutti proprietari terreni e i tecnici dei relativi progetti di aree libere e agricole

Un'immagine di uno scorcio del quartiere San Lorenzo a Riccione

Il Comune di Riccione ha vinto tre ricorsi al Tar relativi alle cause di impugnazione della delibera di Giunta con cui si negava  l’approvazione del PUA (piano urbanistico attuativo) relativo ai comparti di via Veneto e San Lorenzo. Si tratta di ricorsi presentati da tutti proprietari terreni e i tecnici dei relativi progetti di aree libere e agricole, a San Lorenzo e prospicienti via Veneto. Il Tar in tre sentenze distinte ha stabilito che i ricorsi sono inammissibili e comunque infondati. Con le sentenza di fatto si blocca l'espansione urbanistica con relativo consumo di suolo extraurbano così come previsto anche dalle norme regionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I progetti bocciati dalla Giunta comunale di Riccione erano relativi alla costruzione di centinaia di appartamenti in terreni liberi che l’amministrazione precedente alla Giunta del sindaco Renata Tosi, aveva con i POC (piano operativo comunale che stabiliva dove, come e quanto si poteva intervenire nella trasformazione, del territorio sia nelle aree urbane che nelle aree agricole) reso di fatto edificabili rendendo possibile quindi la presentazione da parte dei proprietari di piani particolareggiati per costruire. Secondo il Comune di Riccione - tesi fatta propria quindi dal Tar - i ricorsi erano da considerarsi inammissibili perché azione tardiva e infondati per tutti i motivi articolati, compresi quelli tecnici. Per il Comune di Riccione nei ricorsi si ravvisava la carenza di “legittimazione attiva in capo ai ricorrenti” per quanto riguarda i progettisti perché appunto non proprietari; mentre per quanto riguarda il ricorso dei proprietari, tra le altre motivazioni tecniche, non era stata acquisita per tutti la piena titolarità di alcune particelle.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Stroncato da un'overdose, giovane padre di famiglia ritrovato senza vita nel garage

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Ristorante riminese nel top restaurant di TripAdvisor

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento