rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Cronaca Riccione

Strage in A4, la straziante lettera del medico del 118. "Soffriamo, tristi per non aver salvato nessuno"

Il medico Matteo Scarparo è stato tra i primi a intervenire sul luogo dell'incidente: "Quello a cui ho assistito di persona venerdì è difficile e duro da descrivere ed esternare"

“Soffriamo con voi. Resta la tristezza di non aver potuto salvare nessuno”. Sono queste le strazianti parole scritte dal medico Matteo Scarparo, rivolte all’amministrazione di Riccione. Specialista d’urgenza ed emergenza del 118 di San Donà di Piave, Scarparo è stato tra i primi a sopraggiungere sul luogo della tragedia. Lungo l’autostrada A4. Dove hanno perso la vita l’ex sindaco di Riccione Massimo Pironi, Maria Aluigi, Francesca Conti, Rossella De Luca, Valentina Ubaldi, Alfredo Barbieri e Romina Bannini.

“A nome di tutta la nostra Unità operativa - ha scritto il medico - mi permetto di rivolgere alle famiglie coinvolte nella tragedia le nostre più sentite condoglianze. Condoglianze che vogliamo estendere a tutta la città. Purtroppo, a causa delle caratteristiche del nostro territorio, ci troviamo spesso a operare in teatri caratterizzati da incidenti stradali gravi e spesso mortali”. Poi sottolinea: “Quello a cui ho assistito di persona venerdì è difficile e duro da descrivere ed esternare. Ci sono poche parole da dire: c’è solo il nostro sentimento di tristezza per quanto accaduto e di frustrazione per ciò che non abbiamo, purtroppo, potuto fare per le vittime, nonostante la lotta che abbiamo tentato per Romina”.

Zaia: “Dobbiamo investire sulla sicurezza dell’A4”

A seguito della tragedia è intervenuto anche il governatore del Veneto, Luca Zaia. In primis per esprimere un messaggio di cordoglio, ma anche per porre l’accento su un tratto della viabilità autostradale che necessita di maggiore sicurezza. “Non possiamo accettare che la A4 passi alla storia per essere l’autostrada con un quotidiano bollettino di guerra – dice il governatore -. Ora è il momento del dolore, della vicinanza alle famiglie, delle vittime, ma il problema resta e va risolto in maniera radicale”. Il presidente del Veneto aggiunge: “Non possiamo accettare che sette persone possano aver perso la vita in questo modo, in un’autostrada costellata da incidenti mortali nei tratti più congestionati dal traffico”.

LUTTO CITTADINO - Si prepara l'ultimo viaggio per le vittime della strage in A4

Angelini: “I messaggi da San Donà sono di conforto”

La sindaca di Riccione Daniela Angelini sottolinea che da San Donà sta giungendo una partecipazione al dolore che è di conforto. “In queste giornate durissime abbiamo trovato nella comunità di San Donà di Piave un’accoglienza, una disponibilità e una condivisione del nostro dolore che sono state di sostegno per affrontare i primi, delicatissimi momenti in cui i familiari delle vittime sono arrivati sul luogo della tragedia”. La prima cittadina aggiunge: “Attraverso un messaggio molto toccante, ci ha scritto anche il dottor Scarparo, medico d’urgenza ed emergenza del 118, fra i primi ad intervenire sul luogo dell’incidente, porgendo le condoglianze alle famiglie e a tutta la città. Una partecipazione al nostro dolore che ci è di conforto e per cui ci tengo a ringraziare, a nome dell’Amministrazione e della nostra comunità, il sindaco di San Donà Andrea Cereser, il comando della Polizia Stradale, la Direzione Sanitaria che ci ha accolto, mettendo a disposizione sanitari, psicologi e l’unità del Suem 118 fra i primi ad intervenire”.

Tragedia in autostrada, nel drammatico incidente muoiono 6 riccionesi

VIDEO | La gita dei ragazzi disabili si trasforma in tragedia: 6 morti nello scontro con un camion

Le vittime riccionesi della tragedia in A4

Salgono a 7 le vittime della strage in A4, l'ultimo atto d'Amore di Romina Bssini: donati gli organi

Riccione in lutto, la Perla Verde sospende i festeggiamenti per il centenario

Il mondo della politica piange la scomparsa di Massimo Pironi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage in A4, la straziante lettera del medico del 118. "Soffriamo, tristi per non aver salvato nessuno"

RiminiToday è in caricamento