Cronaca

"Turpi, brutali e ripetuti atti di violenza" ma i minorenni cercano di scaricarsi la colpa

Interrogati per tutta la notte, due dei tre fermati rigettano le accuse di aver stuprato le loro vittime

Foto Ansa

"Turpi, brutali e ripetuti atti di violenza": sono queste le parole utilizzate dal pm Silvia Marzocchi, procuratore per i minorenni di Bologna, nel decreto di fermo per i tre giovani stranieri accusati dei due stupri avvenuto sul litorale di Rimini. Gli interrogatori dei due fratelli marocchini e del 16enne nigeriano sono andati avanti fino alle due della scorsa notte. Intando due dei tre minori arrestati a Rimini hanno negato durante gli interrogatori di aver avuto rapporti sessuali con le vittime, ammettendo però di aver aiutato il resto del 'branco' tenendo ferma una delle vittime e durante il pestaggio del compagno. Saranno le comparazioni con le tracce di Dna, che gli inquirenti della Scientifica hanno repertato sulle vittime, a chiarire questo aspetto.

Al momento, comunque, nessuno dei quattro arrestati è stato messo a confronto con la 26enne polacca e col 42enne transessuale peruviano e, quindi, non ci sono stati atti formali di riconoscimento. I pubblici ministeri, quello della Procura di Rimini e quello della Procura per i Minori, hanno ritenuto sufficenti gli elementi raccolti dagli inquirenti, le immagini delle telecamere a circuito chiuso, per spiccare i fermi degli indagati. A questo, inoltre, si aggiungono le dichiarazioni fatte dai due fratelli magrebini che, per primi, si sono consegnati ai carabinieri di Vallefoglia ammettendo di far parte del branco di stupratori. I minori, sentiti dagli inquirenti, non avrebbero fatto il nome del complice maggiorenne ma avrebbero comunque fornito una serie di elementi che hanno portato alla sua identificazione

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Turpi, brutali e ripetuti atti di violenza" ma i minorenni cercano di scaricarsi la colpa

RiminiToday è in caricamento