Su di lui pendevano tre ordini di cattura: arrestato nella notte

Un controllo, quello dei militari, nato dal passaggio sulla statale Adriatica di una Ford Focus con due persone a bordo transitate nel buio della notte

Nella notte tra venerdì e sabato, nel corso di un servizio straordinario di prevenzione ai furti in danno degli sportelli bancomat organizzato nell’intera giurisdizione della compagnia di Riccione, i carabinieri della stazione di Misano Adriatico hanno tratto in arresto un 25enne albanese già noto e ricercato da tempo. Un controllo, quello dei militari, nato dal passaggio sulla statale Adriatica di una Ford Focus con due persone a bordo transitate nel buio della notte, intorno alle 2.

Gli uomini dell’Arma, alla vista dell’auto ritenuta sospetta, hanno deciso di fermarla e sottoporre a controllo gli occupanti del veicolo. Apparentemente un normale controllo fino a quando il passeggero, privo di documenti e presentatosi con altre generalità, non è stato riconosciuto dai Carabinieri per i suoi trascorsi nel mondo dello spaccio di sostanze stupefacenti, reati per i quali pendevano su di lui alcuni ordini di cattura. Ben tre distinti provvedimenti, emessi dal Gip del Tribunale di Rimini – il primo – e dalla Corte d’Appello di Bologna, gli altri due, tutti del gennaio 2019.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A seguito del suo arresto per spaccio di sostanze stupefacenti, operato dai Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Riccione la scorsa estate, l’uomo era stato sottoposto agli arresti domiciliari. Ma, nonostante il beneficio concessogli, l’uomo si era reso più volte irreperibile durante i controlli alle persone sottoposte a misure alternative alla detenzione in carcere e, in quel contesto, le ripetute violazioni alle prescrizioni dell’Autorità giudiziaria gli erano costate tre provvedimenti di aggravamento della custodia cautelare, rimasti inevasi poiché il soggetto era scomparso nel nulla. Adesso, per lui, si sono aperte le porte della casa circondariale di Rimini, ove rimarrà fino a nuove disposizioni dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento