Tablet e computer a prezzi stracciati, denunciati i pataccari dell'autogrill

I due truffatori napoletani prendevano di mira gli automobilisti in sosta nell'area di rifornimento

Una truffa vecchia come il mondo, quella messa in piedi da due malviventi napoletani, che però continua ad attirare i "polli" pronti per essere spennati. Nella mattinata del 25 agosto il personale della polizia Stradale di Riminiha pizzicato i pataccari che, nell'area di rifornimento Rubicone Est lungo l'autostrada A14, stavano raggirando gli sprovveduti di turno. I partenopei, un 53enne e un 50enne già noti alle forze dell'ordine per reati analoghi, nonostante fossero già colpiti da un foglio di via dalla provincia si erano appostati tra le auto in sosta. Dopo aver puntato il "pollo", iniziavano a offrire a prezzi stracciati tablet e computer portatili. Chi cadeva nella loro rete, dopo aver pagato la merce, si vedeva rifilare un vero e proprio "pacco", in tutto e per tutto identico a quello che avrebbe dovuto contenere le apparecchiature elettroniche, con all'interno bottigliette d'acqua e cartone compresso. Il personale della polizia di Stato ha sequestrato ai due malviventi un tablet Lenovo e un pc portatile HP, coi quali invogliavano i gonzi, e i "pacchi" confezionati per la truffa. I partenopei sono stati denuciati a piede libero per l'inottemperanza al foglio di via e segnalati per la endita abusiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento