Tagli alle rette dei nidi, il sostegno della Regione e del comune di Poggio Torriana

L'assessore Macchitella: "Un aiuto a tutte le famiglie, con maggiore attenzione alle donne, troppo spesso in difficoltà nel conciliare maternità e lavoro"

Come già garantito nel 2019, anche per quest’anno educativo, in procinto di partire, è stato portato avanti l'impegno dell'Amministrazione comunale di ridurre le rette dei servizi educativi per la prima infanzia, per tutti i bambini e le bambine iscritti ai nidi di Poggio Torriana, grazie ai sostanziosi stanziamenti economici, programmati dalla Regione Emilia-Romagna e all’adesione al progetto Al nido con la Regione. 

Al Comune di Poggio Torriana è stato assegnato un contributo di circa 31.000 euro e a sua volta l'amministrazione ha stabilito i criteri per la ridistribuzione di tale contributo per ottimizzare il risparmio per le famiglie con un reddito Isee inferiore ai 26mila euro.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In particolare dopo la sospensione delle attività, da febbraio a giugno, durante il lockdown dovuto al covid19, la ripartenza di quest'anno educativo è carica di preoccupazioni e di incertezze per tutti. Tuttavia, in continuità con l'anno educativo trascorso ed in assoluta coerenza con la strategia dell'amministrazione comunale che ritiene il sostegno alla genitorialità un punto saldo della propria legislatura, tale misura permette un accesso ai nidi più equo - commenta l’Assessore all'Istruzione, Francesca Macchitella - riducendo le diseguaglianze sociali e consentendo ai bambini più piccoli di usufruire dei servizi di qualità del nostro territorio. L’abbattimento del costo per l’iscrizione ai nidi rappresenta un prezioso miglioramento della qualità della vita perché persegue, otre agli obiettivi educativi a favore della prima infanzia, il risultato più ampio e concreto di dare una mano a tutte le famiglie, con maggiore attenzione alle donne, troppo spesso in difficoltà nel conciliare la maternità con il lavoro, con l’economia domestica e la vita familiare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Test sierologico gratuito, ecco le farmacie della provincia di Rimini che aderiscono

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento