Tante le donazioni private per far rinascere il Teatro Galli

Già una quindicina i negozi e le attività che metteranno un ‘fiore’ del Galli in vetrina: il prezioso stucco disponibile per chi effettua una donazione fino al 28 ottobre

Sale a quota 211 il numero delle donazioni raccolte dalla campagna Entra in scena, il progetto di coinvolgimento della città a sostegno della riapertura del Teatro Galli, che spalancherà nuovamente le sue porte tra 11 giorni. Al 15 ottobre erano quindi 211 le donazioni arrivate di cui 200 donazioni liberali e 11 attraverso l’opportunità offerta dall’Art Bonus, per un totale complessivo di 39.415 euro (a cui si somma il contributo Art Bonus di 290mila euro della Fiera di Rimini). Una campagna - che mira al coinvolgimento diffuso della cittadinanza e all’impegno inviduale, per sentirsi ognuno parte di questo appuntamento storico della città – che ha avuto un notevole impulso con la sua declinazione Entra in scena con un fiore,  lanciata a inizio autunno in occasione di Giardini d’autore e che prevede l’omaggio di un “fiore del Galli” a fronte di una donazione minima di 20 euro. I preziosi stucchi in gesso e rivestiti in foglia d’oro riprodotti su disegno dell’architetto Luigi Poletti sono stati realizzati dai maestri decoratori in una collezione esclusiva e in esemplari numerati; ecco perché la possibilità di entrare in scena con un fiore non sarà illimitata, ma terminerà il 28 ottobre, giorno dell’inaugurazione del Teatro. Solo chi effettuerà una donazione entro quella data potrà quindi ricevere il ‘fiore del Galli’, oggetto diventato nel corso delle settimane un dono: dalle mamme per i figli, per gli anniversari di nozze, come simbolo di amicizia.

Un fiore che sta sbocciando anche nelle vetrine dei negozi: tante infatti le attività che hanno deciso di partecipare a questa festa della città decorando a tema gli spazi espositivi delle proprie attività commerciali, utilizzano anche la vetrofania messa a disposizione dal Comune. E sono già una quindicina i negozi che hanno effettuato - o che hanno comunicato che effettueranno a breve - una donazione per ricevere il fiore in gesso da esibire nelle loro vetrine, a partire da una delle attività ‘storiche’ del centro, la Merceria Benvenuti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento