Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Tassa di soggiorno, modifica approvata: ora il gestore dell'albergo è responsabile

L'assessore Brasini: "Si va sempre più nella direzione di colpire solo chi, non dichiarando le presenze e non versando l'imposta incassata dai turisti, distoglie risorse dalle casse comunali"

Una stanza di un hotel (foto d'archivio)

Albergatore responsabile dell'imposta e maggiore contrasto all'evasione. Sono le novità introdotte con la modifica del regolamento per la tassa di soggiorno del Comune di Rimini, come da ultime disposizioni contenute nel decreto legge Rilancio, approvata giovedì dal Consiglio comunale con 18 voti favorevoli e 12 astenuti. La "novità principale", spiega l'assessore al Bilancio, Gian Luca Brasini, riguarda appunto la responsabilità del gestore della struttura ricettiva: il decreto Rilancio infatti stabilisce che sia lui il responsabile del pagamento dell'imposta, con diritto di rivalsa sul turista. "Questa novità ha comportato l'adeguamento del regolamento comunale, attraverso l'introduzione di sanzioni tributarie per omesso versamento e omessa dichiarazione annuale".

Inoltre, prosegue l'assessore, in questi giorni è stato pubblicato in Gazzetta il nuovo decreto attuativo per la trasmissione dei dati delle presenze comunicate alla Questura all'Agenzia delle entrate che, a sua volta, li renderà immediatamente disponibili ai Comuni. Il decreto prevede che il ministero dell'Interno passi mensilmente i dati all'Agenzia delle entrate, che li renderà disponibili su Puntofisco, ogni sei mesi. Si tratta di "un provvedimento fortemente sollecitato anche dal Comune di Rimini, che si affianca agli strumenti gia' in uso per il contrasto all'evasione", sottolinea Brasini.

Dunque "si va sempre più nella direzione di colpire solo chi, non dichiarando le presenze e non riversando l'imposta incassata dai turisti, distoglie dalle casse comunali risorse destinate agli interventi nel settore turistico e fa concorrenza sleale agli altri operatori in questa importante fetta di mercato"

Il consiglio ha inoltre approvato - con 27 voti favorevoli, 6 astenuti e 0 contrari - il progetto, presentato ai sensi dell’art. 53 della Legge Regionale 24 del 2017, procedimento unico in variante alla pianificazione urbanistica vigente, proposto dalla Soc Arca Spa, per la realizzazione dell’ampliamento del fabbricato ad uso commerciale all’ingrosso, sito in Rimini via Varisco 18.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa di soggiorno, modifica approvata: ora il gestore dell'albergo è responsabile

RiminiToday è in caricamento