Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Telefonate anonime e pedinamenti dopo la fine dell'amore, arriva il divieto di avvicinamento

Nei guai un 26enne che non si rassegnava alla decisione della vittima, un secondo stalker arrestato per una condanna definitiva

Non si era rassegnato alla decisione della propria fidanzata di interrompere la loro relazione e, accecato dalla gelosia, un 26enne di Novafeltria si è trasformato in stalker. Il ragazzo, dopo essere stato lasciato, aveva iniziato a tempestare la ex di telefonate anonime a ogni ora del giorno e della notte e, non contento, si era messo ad appostarsi nei pressi dell'abitazione di lei e nei posti solitamente frequentati dalla donna e dai suoi familiari, nonché passaggi continui sia a piedi che in auto davanti a casa. La vittima, impaurita ed esasperata per il comportamento del 26enne, era stata costretta a chiedere aiuto ai carabinieri della Compagnia di Novafelria che, lo scorso ottobre, hanno iniziato le indagini dalle quali è emerso il comportamento ossessivo del ragazzo tanto che la Procura, al termine dell'inchiesta, ha chiesto e ottenuto nei confronti dello stalker la misura cautelare del divieto di avvicinamento da parte del 26enne alla sua vittima.

Sempre i carabinieri di Novafeltria, nella giornata di lunedì, hanno notificato a un 51enne della Valmarecchia un ordine di carcerazione. L'uomo, condannato in via definitiva per stalking nei confronti dell'ex moglie costretta a subire continue vessazioni psicofisiche seguite da percosse e lesioni, era stato arrestato una prima volta in flagranza del 2011 e, adesso, dovrà scontare 3 anni e 3 mesi di reclusione. "I Carabinieri della Compagna di Novafeltria - spiega il comandante, Cap. Silvia Guerrini - continuano la lotta contro la violenza di genere sia sul piano informativo e preventivo con dei corsi di difesa personale tenuti da istruttori dell’Arma, in sinergia e nell’ambito dell’iniziativa “Noi siamo pari” del Comune di Novafeltria sia sul piano repressivo, con l’esecuzione di provvedimenti cautelari nei confronti di due uomini, responsabili di atti persecutori”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Telefonate anonime e pedinamenti dopo la fine dell'amore, arriva il divieto di avvicinamento

RiminiToday è in caricamento