Teme di esser picchiata dal marito ubriaco e chiama i Carabinieri

Quando ha visto il marito rientrare a casa ubriaco fradicio, ha chiesto l'intervento del 112 perchè temeva per le sorti del figlioletto. Il fatto è avvenuto nella tarda serata di lunedì

Quando ha visto il marito rientrare a casa ubriaco fradicio, ha chiesto l'intervento del 112 perchè temeva per le sorti del figlioletto. Il fatto è avvenuto nella tarda serata di lunedì, poco prima della mezzanotte, in un'abitazione in via Sieve, a Bellaria. La donna al centralino ha segnalato di aver litigato poco prima con il marito che l'aveva anche malmenata e che chiedeva protezione poichè temeva che potesse esser picchiato anche il figlio minore.

Giunti sul posto, i Carabinieri hanno accertato che la richiedente ed il figlio minore non avevano subito percosse, appurando che la donna aveva richiesto ausilio perchè era spaventata e temeva che il marito ubriaco potesse avere un comportamento violento come già era accaduto in passato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento