Tentano l'incasso di un assegno falso, pizzicata banda di truffatori

Ad allertare la vittima è stato un dipendente delle Poste Italiane che si è reso conto di alcune anomalie presenti nel titolo di credito

Quando gli è arrivata la telefonata dal responsabile della sua banca, un ragazzo di Pennabilli è letteralmente caduto dalle nuvole alla notizia che, un suo assegno, stava per essere cambiato in un ufficio postale del napoletano. Il giovane, infatti, non aveva mai staccato nessun assegno e, lo stesso dipendente delle Poste Italiane, avanzava parecchi sospetti sulla genuinità di quel titolo di credito. Il romagnolo si è quindi precipitato presso la sua banca e, con stupore, sia lui che il responsabile hanno scoperto che il numero dell’assegno bancario mandato all'incasso a Napoli apparteneva sì al carnet in suo possesso ma, anche il foglio, era nelle sue mani. Capendo di essere finito nel mirino di alcuni truffatori, la vittima ha sporto denuncia ai carabinieri e, allo stesso tempo, bloccato il pagamento di 3mila euro. I militari dell'Arma, al termine di un'accurata indagine, sono riusciti a risalire ai truffatori, un 51enne, un 52enne ed un 49enne tutti residenti nella provincia di Napoli, che sono stati denunciati a piede libero per falsità in scrittura privata su documenti equiparati ad atti pubblici e tentata truffa in concorso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta all'alba, si toglie la vita nel parcheggio del centro commerciale

  • Pronto a nascere il maxi outlet con un investimento da 150 milioni di euro

  • Aereo "perde" il motore, atterraggio d'emergenza al "Fellini"

  • Stroncato da un malore durante la partita di calcetto muore a 28 anni

  • Clan emergente voleva prendersi Rimini con una guerra di camorra: segno distintivo, le mani frantumate col martello

  • Amazon a Santarcangelo, il colosso dell'e-commerce ha aperto i battenti

Torna su
RiminiToday è in caricamento