Testamento biologico, a Rimini già possibile indicare le proprie volontà

La possibilità di decidere in anticipo se, a quali e a quanto invasive cure sanitarie sottoporsi in caso di “futura incapacità ad autodeterminarsi”

Mercoledì 31 gennaio entra in vigore la legge sul testamento biologico (219/2017). Una legge attesa da tanto in Italia, che permette di avere la possibilità di decidere in anticipo se, a quali e a quanto invasive cure sanitarie sottoporsi in caso di “futura incapacità ad autodeterminarsi”. L'articolo 1 della dispone che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito senza “il consenso libero e informato della persona interessata”, l'articolo 4 attribuisce ai maggiorenni capaci di intendere e di volere la facoltà di dare libere disposizioni anticipate di trattamento (comunemente conosciuto come DAT). In attesa della legge nazionale, il Comune di Rimini aveva già istituito il Registro dei Testamenti Biologici con deliberazione di Giunta Comunale n. 261 del 27/07/2010. In seguito, la Giunta Comunale ha modificato la procedura e approvato, nel 2014, un nuovo Disciplinare per la tenuta del Registro dei Testamenti Biologici. Il registro è già stato istituito dal Comune di Rimini per promuovere la piena dignità e il rispetto delle persone, anche nella fase terminale della vita umana, secondo i principi costituzionali richiamati. Ha come finalità quella di consentire l'iscrizione nominativa, mediante auto-dichiarazione, di tutti i cittadini che hanno redatto una dichiarazione anticipata di trattamento (con l'indicazione del fiduciario) per garantire la certezza della data di presentazione e la fonte di provenienza.

La dichiarazione anticipata di trattamento (o Testamento Biologico) vanno depositate presso un notaio abilitato; grazie ad una convenzione firmata nel 2014 tra Comune di Rimini e Consiglio Notarile Distrettuale di Forlì-Rimini, ai notai spetta poi - quando ricevono le ‘Dichiarazioni’ da parte di cittadini italiani e non, purché residenti nel Comune di Rimini - comunicare all'apposito Registro Comunale l'esistenza, presso il proprio Studio, di queste dichiarazioni e l'inserzione dei dati di coloro che le hanno presentate. Si ricorda che sarà in ogni momento possibile modificare o revocare la dichiarazione da parte dei cittadini. Per ottenere informazioni è possibile contattare il numero di telefono 0541/704787, oppure recarsi negli uffici del settore demografico di via Caduti di Marzabotto n. 25, con orari Lunedì - Martedì - Mercoledì - Venerdì dalle ore 8,30 alle ore 13,00 - Giovedì dalle ore 8,30 alle ore 16.00 “Una legge attesa da tanto tempo – è il commento dell'Amministrazione comunale di Rimini – che comporta un altrettanto necessario adeguamento degli uffici comunali. Quella sul biotestamento è una importante novità legislativa che rappresenta un passo in avanti sul tema dei diritti civili. Un provvedimento richiesto da tanti cittadini e che ora, dopo anni di attesa, diventa finalmente realtà” 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento