menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ticket sanitari, tutte le istruzioni per l'uso a Rimini

Da lunedì 29 agosto anche a Rimini, così come nel resto dell'Emilia-Romagna verranno introdotti i ticket su farmaci e viste specialistiche, ma modulati su fasce di reddito e salvaguardando le attuali esenzioni

 

Da lunedì 29 agosto anche a Rimini, così come nel resto dell'Emilia-Romagna verranno introdotti i ticket su farmaci e viste specialistiche, ma modulati su fasce di reddito e salvaguardando le attuali esenzioni. La Regione Emilia-Romagna dunque non applicherà il ticket lineare di 10 euro previsto dal Governo per tutte le prestazioni e per tutti i cittadini, indipendentemente dalle condizioni economiche. Il provvedimento regionale è comunque un adempimento di quanto previsto dalla manovra Finanziaria del Governo del luglio scorso.

Le fasce di reddito
I ticket sui farmaci non riguardano chi ha un reddito inferiore ai 36.152 euro e chi già usufruisce di un’esenzione: per reddito, età, patologia cronica o altre condizioni. Questi i ticket e le relative fasce di reddito: 0 euro fino a un reddito di 36.152 euro; 1 euro a confezione (con tetto di 2 euro per ricetta) per un reddito compreso tra 36.153 e 70.000 euro; 2 euro a confezione (con tetto di 4 euro per ricetta) per un reddito tra 70.001 e 100.000 euro; 3 euro a confezione (con tetto di 6 euro per ricetta) per redditi superiori ai 100.000 euro.

Visite specialistiche, prestazioni di chirurgia ambulatoriale
Il ticket per le viste specialistiche aumenta di 5 euro per tutti, indipendentemente dal reddito, salvo che per chi è esente, che continuerà ad esserlo. Per la prima visita il ticket sarà dunque di 23 euro, per quelle di controllo di 18 euro. Viene introdotto anche un ticket di 46,15 euro per le prestazioni di chirurgia ambulatoriale della cataratta e della sindrome del tunnel carpale.

Risonanza magnetica e Tac
Anche per la risonanza magnetica e la Tac la compartecipazione del cittadino viene rimodulata. Questi gli importi e le relative fasce di reddito: 36,15 euro (resta dunque invariato) per redditi fino a 36.152 euro; sale a 50 euro per redditi tra 36.153 e 100.000 euro; e a 70 euro per redditi oltre i 100.000 euro.

Esami specialistici
Viene introdotto, e modulato in base al reddito, un ulteriore ticket sulla ricetta con esami che, da soli o nel loro insieme, hanno un valore tariffario superiore a 10 euro. La misura non riguarda i redditi fino a 36.152 euro. Tale quota non si applica alle ricette che prescrivono solo la visita e a quelle che prescrivono Tac e risonanza magnetica. Se la ricetta contiene la visita e altre prestazioni, il costo della visita non concorre a determinare il valore tariffario. Ecco dunque ticket e corrispondenti fasce di reddito: 0 euro fino a 36.152 euro; 5 euro tra36.153 e 70.000 euro; 10 euro tra 70.001 a 100.000 euro; 15 euro oltre i 100.000 euro.

Pronto soccorso ed esenzioni
Nessun cambiamento è previsto per l’accesso al pronto soccorso, per il quale restano in vigore i ticket e le esenzioni attuali. Analogamente sono confermate tutte le attuali esenzioni nazionali e regionali: bambini fino a 6 anni di età e anziani dai 65 anni con reddito familiare lordo inferiore o uguale a 36.152 euro, persone con invalidità e con malattie croniche, donne in gravidanza, disoccupati, lavoratori in cassa integrazione e loro familiari.

Cosa succede lunedì 29
Con l'entrata in vigore dei nuovi ticket ogni cittadino dovrà autocertificare la propria fascia di reddito attraverso un apposito modulo. L'autocertificazione dovrà essere effettuata entro il prossimo 17 settembre, ma comunque verranno garantiti, in ogni momento, la consegna di farmaci e l'erogazione di prestazioni specialistiche. E’ possibile già da ora effettuare l’autocertificazione.

Fino al 17 settembre, se un cittadino ha una visita o un esame prenotati:

  • se ha già pagato il ticket, può recarsi all'appuntamento per l'erogazione, ed avrà 60 giorni di tempo per, eventualmente, regolarizzare la sua posizione pagando la differenza di ticket;

  • se non ha già pagato il ticket si reca allo sportello cassa: qualora sia in grado di autocertificare la propria fascia di reddito, pagherà il ticket secondo le nuove disposizioni; qualora invece non sia ancora in grado di autocertificare, pagherà il ticket precedente ed avrà 60 giorni di tempo per, eventualmente, regolarizzare la sua posizione pagando la differenza di ticket.

Stesso ragionamento per i cittadini che devono acquistare farmaci: se sono in grado di autocertificare la propria fascia di reddito pagheranno i nuovi ticket, in caso contrario pagheranno secondo le vecchie modalità e avranno 60 giorni di tempo per, eventualmente, regolarizzare la loro posizione pagando la differenza di ticket.

Dopo il 17 settembre, i cittadini che non avranno effettuato l'autocertificazione pagheranno i nuovi ticket previsti per la fascia di reddito più alta, sia per la farmaceutica sia per la specialistica. Non cambia nulla per coloro che hanno esenzioni per patologia e per coloro che, nei mesi scorsi, hanno effettuato l’autocertificazione per l’esenzione ticket per reddito: costoro non devono fare una nuova autocertificazione.

Come fare per l'autocertificazione

L'autocertificazione andrà effettuata compilando, in duplice copia, l'apposito modulo, per ogni componente del nucleo familiare, una sola volta. In questo modo ciascun cittadino sarà in possesso del documento con cui accedere a tutti i servizi, unitamente alla prescrizione. I moduli per l’autocertificazione possono essere ritirati, di qui a breve, presso le sedi aziendali sotto elencate, le farmacie, i medici di famiglia ed i Caaf sotto elencati; sono inoltre già da orea scaricabili dal sito regionale www.saluter.it o dal sito dell'Azienda www.ausl.rn.it. La compilazione potrà essere svolta direttamente presso gli sportelli aziendali sotto elencati o i Caaf, o in alternativa autonomamente e in questo caso copia del modulo di autocertificazione dovrà essere trasmessa, insieme alla copia del documento di identità, all'A.USL di Rimini, secondo le seguenti modalità:

  • per posta ordinaria all'indirizzo Azienda USL, via Coriano, 38 – 47900, Rimini;

  • per fax ai recapiti 0541.780257 o 0541.608650 (il cittadino conserverà la copia dell'autocertificazione in abbinamento ad una ricevuta del fax);

  • i cittadini dotati di posta elettronica certificata potranno utilizzare l'invio per mail all'indirizzo pec.auslrn@legalmail.it (il cittadino conserverà la copia dell'autocertificazione in abbinamento con la ricevuta della mail).

 

E' possibile per il dichiarante delegare un soggetto terzo alla consegna del modulo di autocertificazione previa compilazione di delega firmata a norma di legge.

 

Gli sportelli aziendali presso i quali è possibile effettuare la procedura sono i seguenti.

RIMINI :

  • Ospedale “Infermi” (Viale Settembrini) - Sportello Cassa

  • Sede A.USL viale Circonvallazione Occidentale, 57 – Sportello Cup

 

SANTARCANGELO : Ospedale “Franchini” (via Pedrignone, 3) – Sportello Cup

 

BELLARIA – IGEA MARINA : Sede A.USL (piazza del Popolo, 1) – Sportello Cup

 

VERUCCHIO : Sede A.USL (via Monte Ugone, 5) – Sportello Cup

 

VILLA VERUCCHIO : Sede A.USL (piazza Borsellino, 17) – Sportello Cup

 

NOVAFELTRIA : Ospedale “Sacra Famiglia” (via XXIV maggio) – Sportello Cup

 

RICCIONE :

  • Ospedale “Ceccarini” (ingresso da via Frosinone) – Punto Prelievi

 

  • Ospedale “Ceccarini” (ingresso via Frosinone) – Sportello Cup

 

CATTOLICA : Ospedale (via Beethoven, 1) – Sportello Cup

 

MORCIANO : Sede A.USL (via Arno, 40) – Sportello Cup

 

CORIANO : Sede A.USL (via Fleming, 4) – Sportello Cup

I Caaf e patronati del territorio di Rimini che, al momento, si sono resi disponibili per assistere i cittadini, sono Caaf Acli (0541.783862); Caaf Cgil (0541.790833); Caaf Cisl (0541.799800); Caaf Uil (0541.369672). Si provvederà, eventualmente, ad aggiornare e dettagliare l'elenco qualora altri soggetti si aggiungano).

Ulteriori informazioni
Per spiegare in ogni dettaglio ai cittadini le modalità dei nuovi ticket, l’Assessorato regionale alle Politiche per la salute, oltre a prevedere un'apposita campagna comunicativa, ricorda che è disponibile il numero verde del Servizio sanitario regionale 800.033.033, con telefonata gratuita sia da fisso che da cellulare, nei giorni feriali dalle 8,30 alle 17,30 e il sabato dalle 8,30 alle 13,30. Informazioni anche sul sito aziendale www.ausl.rn.it e sul sito regionale www.saluter.it

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento