Torna lo shuttle Romagna-Aeroporto Bologna, ma ha perso il 90%

L'azienda: "Chiediamo un dialogo con enti regionali e locali, per affrontare una traversata del deserto lunga almeno fino al prossimo dicembre"

Rimini, Romagna, San Marino e Montefeltro si riallacciano con l'aeroporto Guglielmo Marconi: da lunedì riparte Shuttle Italy Airport, con una corsa al giorno tra Rimini e Bologna, in corrispondenza dei primi voli di collegamento tra il capoluogo regionale e Roma. La partenza per Bologna è alle 11.30 e il ritorno in riviera alle 15. E' un segnale "di fiducia" per un settore, il trasporto su gomma privato, in forte sofferenza per l'emergenza covid.

"L'attività dal 14 marzo a oggi- commenta infatti l'azienda- è completamente azzerata, zero corse, zero passeggeri". I 20 bus sono completamente fermi e i 25 dipendenti in cassa integrazione. Da gennaio ad aprile 2019 i viaggiatori erano stati 40.000, mentre nel 2020 sono scesi a 18.000. "In termini di perdita effettiva di fatturato- chiarisce l'azienda- la comparazione tra i due anni vale il segno -90%. Spiega infatti Roberto Benedettini, amministratore unico Vip Srl, "non sono semplici perdite o diminuzione del volume di lavoro, ciò che è accaduto mette a rischio il futuro di un intero comparto, la ripartenza di una corsa al giorno, in questa stagione di solito sono 10, è un segnale di fiducia. Non ancora un segnale di praticabile e concreto rilancio dell'attività. Oggi, nessuno sa come e quando le persone torneranno a spostarsi, soprattutto a livello internazionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il problema, continua, "non sono solo le doverose misure di prevenzione sanitarie o la riduzione del numero della capienza di un bus, tenuto conto che un mezzo da 50 persone con soli 15 passeggeri a bordo non si sostiene economicamente". Il tema "è che se il volume di passeggeri non cresce, ne va del futuro lavorativo e occupazionale dell'impresa, senza altri interventi l'unica prospettiva è tenere mezzi in rimessa". Di qui la richiesta di aprire subito un dialogo con enti regionali e locali, per affrontare "una traversata del deserto lunga almeno fino al prossimo dicembre". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella mattinata, ragazzino perde la vita

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Si lascia cadere nel vuoto, gesto estremo di un ragazzo

  • Stroncato da un'overdose, giovane padre di famiglia ritrovato senza vita nel garage

  • Bellaria piange la scomparsa del 13enne, proclamato il lutto cittadino

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento