Traffico di documenti antichi, scagionato mercante di antiquario

Il gip accoglie la richiesta di archiviazione per il commerciante trovato con una serie di carte d'epoca

Si è risolta con un'archiviazione da parte del Gip di Pesaro, che ha accolto le richieste del pubblico ministero, il calvario giudiziario di un commerciante d'antiquariato riminese difeso dall'avvocato Alessandro Catrani e accusato di ricettazione di documenti storici. La vicenda risale alla primavera del 2017 quando, i carabinieri di Pesaro, visitano un mercatino di antiquariato e, nella bancarella del 65enne trovano una serie di documenti antichi. Emerge così una storia di compravendita di documenti dei più svariati generi e che, in certi casi, risalgono a ben prima dell'unità d'Italia. Le interpretazioni dei magistrati si basano su una legge del 2004, che stabilisce che le missive o i documenti spediti a un ufficio pubblico dal 1840, che sia lo Stato o anche Regioni, enti territoriali, persone giuridiche private senza fini di lucro, enti ecclesiastici compresi gli Stati ed enti dell'Italia preunitaria, sono "beni culturali inalienabili". Il problema, però, è che oltre al 65enne riminese finirono nei guai anche altri tre collezionistitra cui, un ex manager di Pesaro, a cui i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico sequestrano via oltre 12.000 pezzi. Documenti emanati dai carabinieri pontifici di Bologna nel 1820, dal prefetto del dipartimento del Reno nel 1808 e dalla Commissione delle acque di Ferrara nel 1804. Tutto materiale che, secondo quanto poi emerso, era stato acquistato dallo stesso alla discarica di Coriano di Rimini nel 2000, pagandole circa 2 milioni di lire. Ben 98 quintali di vecchi documenti scartati dalla prefettura che il collezionista aveva comprato in blocco per poi spulciarli con calma e immeterli nel mercato del collezionismo. Una parte di quel materiale, poi, era finito sulla bancarella del riminese che, a Pesaro, era stato sorpreso dai carabinieri a venderla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento