Traffico internazionale di droga dall'Olanda, pena ridotta per imprenditore riminese

Il 40enne era stato arrestato dalla squadra Mobile di Rimini nel 2012 insieme a due fratelli di origine algerina

La Corte d'Appello di Bologna, nella giornata di venerdì, ha ridotto la pena a Davide Roberto, l'imprenditore riminese 40enne arrestato per traffico internazionale di droga e attualmente ai domiciliari. L'uomo, in primo grado, era stato condannato a 7 anni e, adesso, i giudici bolognesi hanno operato uno 'sconto' di 6 mesi portando la pena a 6 anni e mezzo. Roberto era stato arrestato dalla squadra Mobile di Rimini il 15 novembre del 2012 quando venne pizzicato, insieme a due fratelli di origini algerine, con 140 chili di hashish provenienti dall'Olanda. Il blitz della polizia era avvenuto fuori del casello dell'A14 di Rimini Nord quando i tre vennero trovati con 1.200 panetti di stupefacente nascosti in due macchine e destinato allo spaccio nella Riviera. La decisione della terza sezione penale della Corte di appello di Bologna ha visto invece confermare le condanne a quattro anni e 10 mesi per i coimputati, due fratelli di origine algerina e di nazionalità francese, Brahim e Noureddine Boufercha.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

1604343-droga

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento