rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Tragedia sfiorata nella cava abbandonata, due 26enni al "Bufalini"

Un gruppo di ragazzini ha scelto il lago Azzurro per i loro tuffi, le ferite si sono buttate da 15 metri

Una bravata che ha rischiato di costare care a due ragazze, 26enni, rimaste ferite nel pomeriggio di martedì nella cava abbandonata del lago Azzurro. Secondo quanto ricostruito, un gruppo di diversi ragazzi e ragazzini del posto ha scelto lo specchio d'acqua per i loro tuffi nonostante i vari cartelli e le recinzioni che dovrebbero impedire l'accesso della zona. Approfittando di un varco nella rete che delimita l'ex cava, il gruppo è entrato in un punto in cui la riva si alza di una quindicina di metri dall'acqua iniziando a tuffarsi. Verso le 17 le due 26enni, forse per un errore di calcolo o non rendendosi conto dell'altezza del lago, sono piombate in acqua rimanendo ferite agli arti inferiori e non riuscendo più a tornare a riva.

Sfiorata la tragedia nell'ex cava

Mentre il grosso degli altri ragazzini, in tutta fretta, ha scelto di allontanarsi dallo specchio d'acqua, è partita la chiamata di soccorso che ha fatto intervenire due ambulanze, l'auto medicalizzata, l'elicottero del 118 da Ravenna e una squadra dei vigili del fuoco. I sanitari, insieme al personale del 115, sono riusciti a recuperare le ferite e, dopo averle stabilizzate sul posto, è stato deciso per entrambe il trasferimento al "Bufalini" di Cesena. Pur non in pericolo di vita, le 26enni hanno riportato traumi sia agli arti inferiori, per una si parla di una sospetta frattura scomposta alla caviglia, e alla colonna vertebrale per il contraccolpo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia sfiorata nella cava abbandonata, due 26enni al "Bufalini"

RiminiToday è in caricamento