rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca Riccione

Giulia e Alessia, la mamma in lacrime a Castenaso. L'ipotesi più accreditata resta quella dell'incidente

Dalla Procura non viene esclusa alcuna ipotesi, ma al momento non figurano nomi nel registro degli indagati. A Castenaso ore di attesa per conoscere quando sarà possibile fissare la data della sepoltura

Mentre proseguono gli accertamenti per chiarire la dinamica dell'incidente alla stazione di Riccione, con l’analisi della scatola nera che registra tutte le manovre del Frecciarossa, a Castenaso, in provincia di Bologna, sono ore di grande sconforto. Nella giornata di martedì (2 agosto) è arrivata dalla Romania anche la mamma delle sorelle Pisanu, che ha raggiunto la casa dove abitavano le due ragazze investite dal treno. Scossa, non riesce a darsi come tutti una spiegazione su quanto accaduto, e a più riprese ha sottolineato come le sue figlie fossero ragazze responsabili. Ma come è potuto accadere? Se sulla dinamica non ci sono particolari dubbi, anche se non ci sono registrazioni video che testimoniano con esattezza l’accaduto di quei terribili istanti di domenica mattina, dalle indagini l’ipotesi più accreditata resta quella dell’incidente. Dalla Procura riminese non viene esclusa alcuna ipotesi, ma al momento non figurano nomi nel registro degli indagati. Anche se la procuratrice Elisabetta Melotti ha sottolineato ai media che si lavorerà per ricostruire la vicenda nel modo più dettagliato e preciso possibile.

A Castenaso intanto sono ore di attesa per conoscere quando sarà possibile fissare la data della sepoltura. Il sindaco del comune bolognese ha già previsto il lutto cittadino. Anche perché tutta la comunità è scossa da questa disgrazia. Giulia e Alessia erano molto conosciute in paese e anche la loro famiglia, che ha un’azienda di traslochi a cui molti residenti si affidano. In attesa del nulla osta da parte della Procura di Rimini, le esequie dovrebbero svolgersi nella chiesa della Madonna del Buon Consiglio, a due passi dal palazzo del Comune.

Davanti alla casa della frazione di Castenaso anche martedì è stato un susseguirsi di visite. Anche da parte dei parenti in arrivo dalla Sardegna, di dove è originaria la famiglia Pisanu. Alcune macchine decelerano e si fermano davanti all’abitazione. Anzi, alcune di queste si fermano. Sono abitanti della zona, residenti di un piccolo comune del bolognese stravolto dalla notizia della morte di Giulia e Alessia. Uno di loro, un signore sulla sessantina che fuma un sigaro, si accosta al piccolo slargo davanti alla casa. Chiede quando ci saranno i funerali, vuole partecipare. Abita a Castenaso da una vita, dice, e dell’incidente di Giulia e Alessia non riesce neanche a parlarne. La famiglia la conosceva di vista, “brave persone” dice, poi mostra il braccio per far vedere la pelle d’oca: “una roba straziante”. Come racconta BolognaToday, il paese è profondamente scosso dalla morte di Giulia e Alessia. Castenaso si è riscoperta comunità e si è stretta attorno alla famiglia Pisanu.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giulia e Alessia, la mamma in lacrime a Castenaso. L'ipotesi più accreditata resta quella dell'incidente

RiminiToday è in caricamento