menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Trappola" per motociclisti, una ragazza in ospedale. Preoccupazione a Santarcangelo

Il sindaco Parma: "I carabinieri hanno già acquisito le immagini di alcune telecamere, invito i responsabili a presentarsi spontaneamente"

C'è forte preoccupazione a Santarcangelo per la "trappola" in cui è caduta una giovane scooterista finendo in ospedale con la frattura scomposta della tibia. La 22enne, nella serata di martedì, stava percorrendo via Costa dove qualcuno aveva teso una corda ad altezza d'uomo che attraversava tutta la strada. La ragazza ci è finita dentro rovinando sull'asfalto e riportando serie lesioni nella caduta sull'asfalto. Ad indagare sulla vicenda sono i carabinieri della città clementina che, al momento, catalogano l'episodio come atto vandalico. Sulla questione è intervenutail sindaco di Santarcangelo Alice Parma che, in una nota, ha dichiarato che “Quanto accaduto martedì sera in via Andrea Costa ci lascia profondamente sgomenti. Una ragazza che a bordo del suo scooter rientrava a casa dal lavoro si ritrova a rischiare la vita a causa di una corda tesa tra due pali della luce da una parte all’altra della strada. Prima di tutto vorrei esprimere la vicinanza dell’Amministrazione comunale e di tutta la città di Santarcangelo alla ragazza coinvolta e alla sua famiglia, augurandole una pronta guarigione da questo grave episodio che avrebbe potuto costarle la vita".

"Siamo di fronte a un gesto che merita una risposta decisa da parte delle istituzioni - prosegue Alice Parma. - Per questo, mi farò personalmente promotrice presso il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dalla Prefettura di una richiesta di provvedimenti e strategie atti a prevenire simili episodi in futuro. Grazie al prezioso lavoro della Polizia locale e dei Carabinieri di Santarcangelo, infatti, da mesi stiamomonitorando i comportamenti che mettono a rischio l’incolumità delle persone e disturbano la quiete pubblica nel nostro centro, riuscendo molto spesso a intervenire in modo preventivo. Si tratta di comportamenti spesso messi in atto da ragazzi e ragazze molto giovani, che al di là della mera questione di ordine pubblico evidenziano una crisi educativa profonda, in atto da anni ma certamenteaggravata dalla recente emergenza sanitaria.  La mancanza della scuola in questo periodo sconvolto dalla pandemia e il bisogno di ricreare una socialità condivisa – alla quale si aggiungono in alcuni casi situazioni familiari difficili – costituiscono un’emergenza su cui sempre più spesso mi trovo a confrontarmi con cittadini e collaboratori dell’Amministrazione comunale. Su questo aspetti, così come su quello più strettamente legato all’ordine pubblico, lavoreremo con le istituzioni competenti e con gli strumenti a nostra disposizione per incrementare l’offerta di attività e spazi a disposizione dei più giovani già dai prossimi mesi. Per quanto riguarda questo specifico episodio, tuttavia, vorrei concludere rivolgendo un appello agli autori del gesto: vi invito a presentarvi spontaneamente alla Stazione dei Carabinieri di Santarcangelo insieme ai vostri genitori, anche perché i militari dell’Arma hanno già acquisito le immagini di alcune telecamere che hanno ripreso l’accaduto e stanno procedendo all’identificazione delle persone coinvolte”.

"Quanto accaduto è semplicemente raccapricciante - tuona il consigliere della Lega, Marco Fiori. - e grazie al cielo non si è trasformato in tragedia per la povera malcapitata a cui porgo i miei migliori auguri di pronta e totale guarigione. Mai a Santarcangelo ci saremmo immaginati di assistere a scene del genere, drammi più consoni alla cinematografia che alla realtà di un paese. Non si tratta di vandali Non si tratta di ragazzacci Ma di delinquenti che agiscono indisturbati in città. Il tratto della strada centrale ove è accaduto l'agguato criminale si trova in prossimità del parco Francolini, a detta di molti luogo dedito allo spaccio e frequentato notte e giorno da brutti ceffi. Ormai è chiaro a tutti che Santarcangelo è una città tenuta sotto scacco dai tanti balordi le cui gesta sono ben note, schiamazzi notturni, vandalizzazioni al paese vecchio, danneggiamento di negozi, lanci di pietre, furti nelle auto ed ora, tentato omicidio. Inutile controllare e presidiare il paese ad intermittenta solo per far bella figura con la popolazione per poi far tornare tutto nel dimenticatoio. A Santarcangelo la Lega chiede da tempo più divise, più controllo del territorio, piu' telecamere, più presenza e prevenzione. A Santarcangelo manca da anni un vero assessore alla sicurezza, che non trascuri e minimizzi ogni atto criminale ma che prenda seriamente provvedimenti con la giusta coscienza che Santarcangelo non è immune al degrado e alla violenza che  imperversano ovunque. Servono azioni urgenti e disposizioni permanenti. Se il PD non riesce o non se la sente, diano a noi l'assessorato alla sicurezza, a costo zero chiaramente,  lo faremo con capacità e massima attenzione come è doveroso che sia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Simbolo di Rimini, storia e curiosità del grattacielo

social

Ricette con uova, 4 idee creative da gustare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento