menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Trasportava rifiuti speciali di cantiere, ma senza autorizzazioni: denunciato un uomo

Sprovvisto di iscrizione all’albo delle imprese di gestione e senza di alcun tipo di autorizzazione o documentazione, l'uomo in qualità di conducente in ambito professionale, stava quindi trasportando abusivamente circa 8 quintali di rifiuti speciali

Venerdì mattina in località “La Cella” a Misano Adriatico, una pattuglia di Polizia Locale del Corpo Intercomunale, durante un controllo stradale, ha fermato un autocarro. All’interno del cassone gli agenti hanno notato subito un corposo quantitativo di rifiuti speciali derivanti da attività di cantiere.

Il conducente, un uomo di mezza età residente a Gradara, titolare di una ditta individuale di lavorazioni edili, ha giustificato il suo carico sostenendo in prima battuta che i rifiuti fossero derivanti da alcuni lavori eseguiti presso la propria abitazione. Nonostante il vano tentativo di eludere i controlli, gli agenti sono riusciti ad accertare che il carico trasportato proveniva invece da un cantiere edile all'interno del comune di Cattolica e presso il quale il soggetto lavorava regolarmente.

Sprovvisto di iscrizione all’albo delle imprese di gestione e senza di alcun tipo di autorizzazione o documentazione, l'uomo in qualità di conducente in ambito professionale, stava quindi trasportando abusivamente circa 8 quintali di rifiuti speciali. Il carico è stato sottoposto a sequestro e il conducente denunciato all’Autorità Giudiziaria.

Nei confronti del titolare dell’impresa edile le attività di indagine risultano essere ancora in corso al fine di accertare ulteriori eventuali reati che dovessero emergere dall’attività illecita compiuta. "La gestione, l’abbandono e il traffico illecito di rifiuti sono reati ambientali gravi. Sono condotte che possono mettere tutti in serio pericolo andando a ledere concretamente l’ambiente in cui viviamo. Facciamo riferimento a fenomeni che ci riguardano da vicino, che si ripercuotono sulla nostra salute e su quella delle generazioni future. Per questo motivo, come organo di Polizia abbiamo il dovere di tutelare il nostro ambiente, concentrando la nostra attenzione su quelle attività in difetto di autorizzazione o regolamentazione" si legge in una nota della Polizia Locale.

(Foto di repertorio)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Zanzariere, ecco pochi e semplici prodotti per pulirle

Cura della persona

5 consigli per avere una rasatura perfetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento