Cronaca

Trasporto pubblico, Ugl conferma una giornata di sciopero. Uil e Usb al dialogo optano per revocare

Ugl va avanti: "Dopo i tentativi sia da parte della politica che da parte della dirigenza aziendale di trovare la quadra e far revocare lo sciopero il risultato è stato un nulla di fatto"

Ugl Autoferrotranvieri Romagna conferma lo sciopero del 9 luglio prossimo. Dopo i tentativi sia da parte della politica che da parte della dirigenza aziendale di trovare la quadra e far revocare lo sciopero, ed un incontro di quasi otto ore svoltosi lunedì 4 luglio, il risultato è stato un nulla di fatto. "Purtroppo, come si dice, chi semina vento raccoglie tempesta. La direzione e presidenza aziendale, questo hanno fatto per oltre tre anni. Non siamo più disposti a dare fiducia a chi, nei fatti, ha dimostrato di non meritarla", scrive la Ugl.

"Dopo l’incontro maratona di lunedì si è arrivati alla stesura di un verbale di incontro, ma i lavoratori non vogliono più dare credito a chi più volte si è “bevuto” i verbali e talvolta anche gli accordi. Vi sono problemi enormi. A gennaio abbiamo fatto un appello a tutta la proprietà di Start Romagna, ma forse dovevano soddisfare impegni più cogenti di quelli riguardanti una partecipata di Tpl e quindi siamo arrivati ad oggi, ancora con uno sciopero. L’ennesimo di questa gestione" prosegue il sindacato.

"Si promettono assunzioni per coprire la carenza di personale, ma il personale o non si trova, oppure dopo pochi giorni/mesi se ne va verso “lidi” migliori e retribuiti in miglior modo. Dopo la richiesta che abbiamo fatto alla base, a seguito appunto del suddetto verbale, i lavoratori ci hanno chiesto a gran voce di non cedere alle promesse da marinaio ed andare avanti verso la protesta, così come programmata. Confidiamo che l’interesse dimostrato in questi giorni dalla proprietà, prosegua nel prossimo futuro, così da scongiurare altri disagi alla cittadinanza, che inevitabilmente ed incolpevolmente ne fa le spese".

Uil e Usb revocano

Attraverso una nota Uil trasporti e Usb comunicano la revoca dello sciopero regionale di 24 ore in Start Romagna indetto per il giorno 09 luglio 2022. In data 4 luglio le organizzazioni sindacali hanno raggiunto con la direzione Start Romagna un accordo che "a nostro avviso è un buon punto di partenza per risolvere l’allontanamento delle parti dovuto dalle precedenti convocazioni di tavoli separati e che da oggi sembra rientrata, migliorando così il clima delle relazioni sindacali".

La nota prosegue: "Difatti l ’azienda ha convocato un primo incontro con tutte le organizzazioni sindacali aziendali,
in cui verrà presentato il progetto di revisione organizzativa degli acquisti e logistica, officina. In questo incontro saranno calendarizzati appositi incontri come il Pdr 2022/2024, personale inidoneo al fine di migliorare l’accordo di bacino di Forlì/Cesena del 3 gennaio 2022 e per affrontare le specifiche criticità del settore acquisti e logistica sollevate dalle Ooss nello stato di agitazione del 6 aprile"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto pubblico, Ugl conferma una giornata di sciopero. Uil e Usb al dialogo optano per revocare
RiminiToday è in caricamento