Trasporto scolastico, i sindacati: "Col Comune di Rimini è un muro di gomma"

Presidio di fronte all'assessorato di via Ducale ma le posizioni sono uscite confermate, e distanti, dall'incontro con l'assessore Morolli

E' un "muro di gomma" quello che l'Amministrazione comunale di Rimini, e nello specifico l'assessore alla Scuola, Mattia Morolli, oppongono ai sindacati, a loro dire, nella querelle sul bando per il trasporto scolastico. Le parti sociali sono andate lunedì mattina in pressing con un presidio di fronte all'assessorato di via Ducale. Ma le posizioni sono uscite confermate, e distanti, dall'incontro con il titolare della Scuola. Come spiega il segretario della Filt-Cgil, Ornella Giacomini, i sindacati puntano il dito contro il bando per la "mancanza" di un riferimento al Contratto nazionale di categoria e della clausola sociale di salvaguardia per garantire l'assunzione del personale attualmente impegnato nel servizio. Morolli, però, attacca la sindacalista, "come sempre ha fatto muro di gomma, raccontando delle 'magnifiche sorti e progressive' a cui sarebbe destinato il trasporto scolastico, ma senza solide argomentazioni, con l'unico obiettivo di deregolamentare tutto ciò che va sotto la denominazione di servizio pubblico". Se "oggi il trasporto scolastico, domani l'intero trasporto pubblico".

Attualmente, prosegue Giacomini, nel servizio di trasporto scolastico sono impegnati 25-26 lavoratori per un totale ciascuno di 39 ore a settimana e uno stipendio intorno ai 1.170 euro più "gli 80 euro di bonus che oggi ci sono, domani chissà". Si tratta di "ragazzi che in media hanno una trentina d'anni con progetti di vita che potrebbero essere messi in seria discussione da un momento all'altro perchè il vincitore della gara non avrà alcun vincolo contrattuale". Per cui "la loro preoccupazione è sacrosanta". Così, conclude la sindacalista, nel caso dovessero verificarsi le condizioni temute dai lavoratori e dai loro rappresentanti sindacali, e il 7 giugno con l'apertura delle buste lo sapremo, l'assessore e l'Amministrazione comunale dovranno rispondere di un grosso problema per gli effetti che si produrranno nel territorio oltre che per i lavoratori".
(Agenzia Dire)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento