menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasporto scolastico, la Provincia replica a Saludecio: "Protesta incoerente"

La Provincia di Rimini replica al Comune di Saludecio, che si è rivolto al presidente Stefano Vitali per "modificare la delibera provinciale, cassando la dizione 'facenti parte di Unioni di Comuni o Comunità Montane'"

La Provincia di Rimini replica al Comune di Saludecio, che si è rivolto al presidente Stefano Vitali per "modificare la delibera provinciale, cassando la dizione 'facenti parte di Unioni di Comuni o Comunità Montane'". “A dimostrare l’irricevibilità della richiesta sono sufficienti due elementi - esordisce l'ente in una nota -. Il primo è che il criterio contestato dell’appartenenza ad Unioni di Comuni o Comunità Montane è stato adottato dalla Giunta provinciale a partire dall’anno scolastico 2010/2011 e dunque quella attuale risulta essere già la quarta annualità di applicazione".

"Tutto ciò garantendo anno per anno informazione adeguata ai Comuni e alla Conferenza provinciale di coordinamento - prosegue la Provincia -. Mai, nei tre anni precedenti, Saludecio aveva espresso dubbi in relazione alla bontà del principio e dunque la lamentazione odierna corre forse il serio rischio di essere letta come pura e semplice. Il secondo, sostanziale, è che proprio il criterio inserito già da anni nella programmazione provinciale risponde, ora più di prima, a un preciso e obbligatorio tracciato legislativo nazionale e regionale, mirato a stimolare e premiare tangibilmente ogni pratica associativa (a partire dai servizi) tra Comuni e Enti territoriali".

Prosegue l'ente: "Non si può da una parte ribadire in ogni occasione utile il valore economico, sociale, educativo della legge che obbliga i piccoli Comuni ad associarsi nella gestione delle proprie funzioni e dall’altra invocare deroghe che risulterebbero palesemente incoerenti rispetto allo spirito e alla pratica della stessa legge. In questo senso vale ancora la pena ricordare le parole della Vice Presidente della Regione Emilia Romagna, Simonetta Saliera, pronunciate lo scorso 9 luglio alla presenza dei sindaci del Distretto Sud della provincia di Rimini: “per quanto riguarda le convenzioni nel contesto dell’ATO esistente, l’ente capofila è comunque l’Unione dei Comuni esistente, così come previsto dalla legge regionale 21/12. Ne consegue che a tutt’oggi le convenzioni per il trasferimento obbligatorio delle funzioni dei Comuni con meno di 5.000 abitanti dovranno avvenire nel contesto dell’Unione Valconca e non mediante altre articolazioni tra enti”".

"In definitiva, ci sono le leggi, c’è uno spirito delle leggi e c’è l’etica - evidenzia la Provincia -. L’iniziativa dello Stato italiano e della nostra Regione si è da tempo orientata verso una razionalizzazione dei livelli istituzionali che muovendo dalla soppressione delle Province promuove un processo di associazione tra i Comuni al fine di ridurre la spesa pubblica e garantire i servizi. E’ del tutto evidente, comunque la si pensi, che una riqualificazione della spesa pubblica e l’eliminazione di sprechi e sovrapposizioni di costi appartengono al livello minimo di risposta che un Paese responsabile deve garantire ai propri cittadini".

L'ente ricorda "la scelta dei Comuni di Torriana e Poggio Berni di promuovere la propria unificazione. Il regolamento approvato dalla Provincia di Rimini già tre anni fa sul trasporto scolastico sta esattamente in questo alveo: dal punto di vista normativo, dal punto di vista del sostegno agli indirizzi espressi dal legislatore e, ancora prima, da un punto di vista etico e morale. Incentivare l’associazione tra i Comuni non è un vezzo: è una necessità. Continuare a coltivare un localismo povero è il vero danno che si arreca ai cittadini: negandogli opportunità e servizi che sarebbero assai meglio garantiti mettendo assieme mezzi e risorse. Chi sceglie questa strada, in attesa di una legislazione più definita, è legittimato a farlo ma è anche giusto che se ne assuma la responsabilità senza tentare di scaricarla su altri".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Rimini usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento