Trc, Agenzia Mobilità chiede 2 milioni di danni al Comune di Riccione

"La pretesa di Agenzia Mobilità - spiegano dal Comune della Perla Verde - si rileva del tutto priva di fondamento"

In merito alla richiesta avanzata da Agenzia Mobilità all’Amministrazione Comunale di risarcimento danni provocati dal mancato rispetto degli obblighi previsti nell’Accordo di Programma 2008 per le realizzazione del Trc, l’Amministrazione ha inviato una lettera il 5 settembre 2016 indirizzata alla stessa società appaltante. Nel dettaglio, il preteso danno richiesto da Agenzia Mobilità al Comune ammonta a 2.069.953,80 euro.

"La pretesa di Agenzia Mobilità - spiegano dal Comune di Riccione - si rileva del tutto priva di fondamento, atteso che è nella piena facoltà dell’Amministrazione l’adozione di tutte le iniziative necessarie e utili alla difesa dell’interesse erariale. L’Amministrazione inoltre contesta le spese di investimento non rientranti nel quadro economico, già sostenute da Agenzia Mobilità in quanto stazione appaltante che a consuntivo 30/06/2016 ammontano a complessivi Euro 6.201.690,65, relative alle spese legali ed amministrative, incarichi di consulenza e realizzazione dell’opera. Si sottolinea in merito che queste spese non risultano autorizzabili dal Comitato di Coordinamento che, fra l’altro non ha fino ad oggi, avuto la possibilità di verificarle né di analizzarne analiticamente le varie esigenze né di conoscere le modalità di scelta dei soggetti esterni incaricati".

"Per quanto riguarda la richiesta risarcimento danni di 2.060.953,80 - conclude la nota stampa - Agenzia Mobilità chiede al Comune di Riccione, il ristoro di un danno la cui determinazione, nell’an e nel quantum, è conseguenza della sola attività svolta da Agenzia Mobilità e non dal Comune di Riccione, il cui concorso causale risulta quindi del tutto indimostrato. Nel riscontrare la richiesta di risarcimento di Agenzia Mobilità, il Comune ritiene che quest’ultima, non vanti alcun titolo per domandare il risarcimento di un preteso danno subito in conseguenza del pagamento di 2 milioni di euro a favore dell’ATI con Italiana Costruzioni SpA quale capogruppo, la cui determinazione è frutto del solo accordo tra quest’ultima e Agenzia Mobilità". 

L'INTERVENTO DEL PARTITO DEMOCRATICO DI RICCIONE - Ancora una volta a passare dalle parti di Viale Vittorio Emanuele si sente il classico rumore di unghie che stridono sugli specchi, anche se a ben sentire questa volta il suono è notevolmente più forte dell’ultima volta. L’altra volta infatti A.M. trasmise richiesta danni, per le note vicende che qui non ricordiamo per l’ennesima volta, per circa 635.000 euro, mentre verso la fine di Luglio di quest’anno la richiesta è aumentata ad oltre 1.400.000 euro, che unitamente ad altri costi “accessori” ha portato il totale complessivo a 2.070.000 circa. Ma l’amministrazione corre subito ai ripari e ci informa che in fondo, ma molto in fondo, nulla è dovuto ad A.M., che sta solo millantando un credito inesigibile. Di certo in quanto a millantare il sindaco Tosi è davvero gran maestro di loggia. Ben ci si ricorderà infatti di quando, in piena enfasi da campagna elettorale, l’attuale primo cittadino, utilizzando ad ogni piè sospinto le argomentazioni e le magiche note del suo pifferaio magico, annunciava al mondo intero che avrebbe fermato a tutti i costi il TRC. Beh i danni richiesti oggi non saranno certamente i 54 milioni di euro di allora, che sarebbero stati a carico della collettività, ma di questi 2.070.000 milioni di euro chi ne risponderà? Certamente non i cittadini di Riccione, così ci rassicura il sindaco Tosi, anche se credere oggi a chi, pur sapendo di mentire, ha già mentito ai riccionesi ieri, risulta un po’ indigesto. Non sarà un’altra bufala per togliersi mediaticamente, e solo mediaticamente, dalle pesche così come fece con l’incarico all’ingegnere che doveva ribaltare e stravolgere il percorso del TRC? Apprendiamo infatti oggi l’ennesima storiella, e cioè che i ritardi registrati sarebbero, udite udite …”conseguenza della sola attività di Agenzia Mobilità e non del comune di Riccione, il cui concorso causale risulta del tutto indimostrato”…. E le recriminazioni e le reprimende del sindaco, su taluni aumenti di costi nel bilancio di cui si dovrebbe preoccupare la stessa A.M., appaiono come quella storiella del bue che dà del cornuto all’asino. Ai propri supporter tale storiella farà certamente piacere, del resto sono abituati a ben altro, come quella volta che convinti di seguire un vero e proprio guru della destra più estrema, si resero poi amaramente conto che il loro mentore aveva in realtà ancora la tessera del PCI in tasca. Quando anche le ultime risorse sono finite, quando non si hanno più convincenti storielle da raccontare, quando anche la propria maggioranza se ne va in libera uscita ed in ordine sparso, quando anche i topi si apprestano ad abbandonare la loro barca così sapientemente costruita, sarebbe buona cosa meglio arrendersi all’evidenza e piantarla di giocare una partita ormai troppo grande per le proprie capacità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento