Cronaca

Troppi giovani affollano i locali del centro: il Comune valuta la chiusura anticipata per le attività

L'amministrazione sta lavorando a una serie di provvedimenti per contenere i rischi da contagio

I locali riaprono e i più giovani dimenticano i rischi da contagio Covid. Sabato sera nella zona della Vecchia Pescheria, sono fioccate 65 multe e la Polizia è stata impegnata tutta la sera nei controlli anticontagio sentendosi rispondere, in alcuni casi, che il coronavirus "è una roba da vecchi". Risposte arrivate, spesso, da ragazzi senza mascherina di protezione.

Una "fotografia" che ha messo in allarme il Comune di Rimini, così come già capitato in altre città d'Italia. Troppe persone in giro e troppi giovani a gruppi fuori dai locali. Una situazione da fermare subito, tanto che l'amministrazione comunale, come spiegato dall'assessore Jamil Sadegholvaad, sta valutando una serie di provvedimenti, fra cui la possibilità di far chiudere prima i locali. Nulla è stato ancora deciso, ma se la movida diventerà incontenibile c'è il rischio che le attività debbano chiudere intorno alle 21.30. Sadegholvaad ha ribadito che i giovani hanno diritto a divertirsi, ma rispettando le regole e indossando la mascherina quando non è garantita la distanza di almeno un metro. "Si tratta di una minoranza di persone e gli stessi gestori hanno invitato i ragazzi a rispettare le regole, arrivando in qualche caso a chiamarmi perché preoccupati per la piega che stava prendendo la serata. Sadegholvaad ha inotlre evidenziato che alcuni gestori servivano da bere sulla porta del locale e non ai tavoli, cosa che avrebbe garantito una maggiore sicurezza.

In generale, nel quadrante della Vecchia Pescheria, erano poche le persone sedute ai tavoli, rispetto a quelle in piedi a chiacchierare a gruppi uno vicino all'altro.  Nei prossimi giorni ci sarà un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica con il Prefetto, il Questore e le forze dell’ordine.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppi giovani affollano i locali del centro: il Comune valuta la chiusura anticipata per le attività

RiminiToday è in caricamento