menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trova il coinquilino cadavere in una pozza di sangue, indagini serrate

La macabra scoperta è stata fatta nella mattinata di giovedì, i carabinieri setacciano l'abitazione in cerca di indizi

Sono in corso le indagini per fare luce sul macabro ritrovamento di giovedì mattina quando, un cittadino pakistano, ha ritrovato il suo coinquilino morto in una pozza di sangue. L'allarme è scattato verso le 9.30 quando lo straniero, residente a Santarcangelo in via Serravalle al civico 11, si è accorto che l'uomo con cui condivideva l'appartamento, un ucraino 40enne, era a terra privo di vita. La prima telefonata è stata ai parenti della vittima che, a loro volta, hanno chiesto l'intervento del 118. I sanitari di Romagna Soccorso, arrivati sul posto, non hanno potuto far altro che constatare il decesso le cui cause sono apparse fin da subito poco chiare e dare a loro volta l'allarme ai carabinieri. In via Serravalle sono intervenuti i militari dell'Arma del Nucleo investigativo che, su ordine del magistrato di turno, hanno effettuato i primi rilievi nell'appartamento. Sul posto anche il medico legale che, durante la prima ispezione del cadavere, non ha trovato segni di morte dovuta a terzi. Secondo quanto emerso, il 40enne riportava una ferita alla testa dovuta, con tutta probabilità, a una caduta e all'impatto col pavimento. Al momento tra le ipotesi degli inquirenti c'è il sospetto che possa trattarsi di un decesso provocato da un malore in seguito a un'overdose. Gli inquirenti si stanno concentrando sulle ultime ore della vittima per capire come abbia trascorso la notte e cosa abbia fatto nella giornata di mercoledì.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento