"Truffa sui contributi all'editoria": indagato dalla Procura l'editore Gianni Celli

Truffa aggravata ai danno dello Stato: con questa ipotesi di reato è stato aperto dalla Procura di Rimini un fascicolo d'indagine a carico di Gianni Celli, amministratore e presidente del quotidiano locale "La Voce di Romagna"

Truffa aggravata ai danni dello Stato: con questa ipotesi di reato è stato aperto dalla Procura di Rimini un fascicolo d'indagine a carico di Gianni Celli, amministratore e presidente della società editrice (fino a qualche settimana fa) del quotidiano locale “La Voce di Romagna”, presente nelle province di Rimini, Ravenna, Forlì-Cesena e a Imola.

La notizia emerge dall'agenzia Ansa che illustra che l'indagine verte intorno ad un possibile storno verso altre società immobiliari dei contributi all'editoria, ricevuti dalla Stato per diversi milioni di euro e destinati al quotidiano romagnolo. L'indagine è coordinata dal pm Luca Bertuzzi, operativamente seguita dalla Guardia di Finanza riminese. "Non sapevo di essere indagato”, ha commentato Celli, contattato dall'agenzia. Proprio ieri giovedì, la società editrice ha visto l'udienza per il concordato in continuità chiesto dal giornale. La Procura da parte sua ha chiesto il fallimento.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stroncato da un malore durante la partita di calcetto muore a 28 anni

  • Risotto coi funghi velenosi: muore dopo una settimana di agonia

  • Il Cocoricò riapre le porte con un nuovo gestore: "Inaugureremo a Pasqua e ci saranno grandi eventi"

  • Valerio Braschi pronto ad aprire il suo ristorante: il campione di Masterchef cerca personale

  • Il caffè troppo "nero" di un imprenditore: scoperta evasione per tre milioni di euro

  • Rimini-Cesena, tensioni sul lungomare dopo la partita: massiccio intervento delle forze dell'ordine

Torna su
RiminiToday è in caricamento