Truffata su Fb: si finge un militare americano, la seduce e le spilla 25mila euro

Nel mese di maggio una signora riccionese è stata contattata su Facebook da un presunto militare americano di stanza in Nigeria, vedovo con una figlia, che si presentava come Thomas Cody

Nel mese di maggio una signora riccionese è stata contattata su Facebook da un presunto militare americano di stanza in Nigeria, vedovo con una figlia, che si presentava come Thomas Cody. Dopo lunghe giornate di conversazione, si è invaghita dell’uomo, che le dedicava notevoli attenzioni e faceva nascere in lei il desiderio di incontrarlo.

Il presunto Thomas Cody, con varie scuse a iniziato a chiederle del denaro alla donna, col pretesto che, essendo all’estero in missione, non poteva disporre di quanto necessario per poter affrontare il viaggio. La donna, prima per consentirgli l’attivazione di una linea telefonica, poi per pagare la cauzione all’esercito americano per fargli ottenere la licenza ad uscire dalla Nigeria, successivamente per pagare il cambio che il militare avrebbe dovuto ricevere da un altro commilitone alla base nigeriana,  ha versato in totale oltre 25mila euro a mezzo Western Union e Moneygram,  restando in grave disagio economico. Ovviamente Thomas Cody, con vari pretesti, non riusciva mai a partire per l’Italia, ma continuava con richieste di denaro alle quali però la signora non riusciva più a fare fronte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I beneficiari delle somme sono stati indicati volta per volta e trattasi di persone dal nome chiaramente di origine nigeriana. la Questura di Rimini ha richiesto a Moneygram e Western Union di trasmettere i documenti dei soggetti che hanno beneficiato delle somme ed indicare il luogo di avvenuto incasso dei trasferimenti di denaro, seppur i tempi di evasione delle richieste non sono ancora noti e precedenti indagini hanno ricondotto sempre a beneficiari residenti in Nigeria, da cui oltretutto questa tipologia di truffa prende anche il nome generale (Scam nigeriano).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Discoteche, il mondo della notte si reinventa e punta alla riapertura

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

Torna su
RiminiToday è in caricamento