Raccolgono fondi per beneficenza: ma era tutta una truffa

Quando hanno visto arrivare la pattuglia dei Carabinieri, si sono allontanati a gambe levate. Un uomo e una donna si trovavano infatti davanti all'ospedale di Rimini per effettuare un volantinaggio

Quando hanno visto arrivare la pattuglia dei Carabinieri, si sono allontanati a gambe levate. Un uomo e una donna si trovavano infatti davanti all'ospedale di Rimini per effettuare un volantinaggio ed una raccolta di fondi per una fantomatica associazione di volontariato. Allertati da un cittadino, i militari sono giunti sul posto ma dei due non vi era più traccia: alla vista delle divise, erano infatti scappati. Dalle notizie apprese da alcuni presenti i due giovani dicevano di appartanere ad una comunità terapeutica non meglio indicata e che erano lì per la raccolta di denaro a sostegno della propria comunità.

E' bene ricordare di non fare offerte e di diffidare di persone sconosciute che si presentano come rappresentati di “enti benefici non indicati” e, in caso di dubbio, chiamare subito il Numero Unico d’emergenza 112.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

Torna su
RiminiToday è in caricamento