Stanati dall'Arma gli specialisti delle truffe degli "appartamenti fantasma"

I militari della tenenza di Cattolica hanno denunciato per truffa un siracusano di 38 anni ed un leccese di 39 anni, entrambi già noti alle forze dell'ordine

Pprosegue in maniera serrata il monitoraggio, da parte dell’Arma di Riccione, sul fenomeno dei cosidetti "appartamenti fantasma". In particolare, in occasione di alcuni controlli disposti dalla Compagnia della Perla nelle ultime settimane, i militari della tenenza di Cattolica hanno denunciato per truffa un siracusano di 38 anni ed un leccese di 39 anni, entrambi già noti alle forze dell'ordine.

Le indagini esperite consentivano di attribuire agli indagati la commissione di cinque truffe portate a compimento in danno di altrettanti  ignari  interlocutori, attratti dalla truffaldina pubblicizzazione, effettuata sul web, di appartamenti di fatto inesistenti, e che consentiva ai prevenuti di ottenere dalle vittime l’accredito, su proprie carte prepagate, di una somma complessiva di 2mila euro circa.

L'Arma di Riccione ricorda ai tanti turisti in procinto di giungere in Riviera "l’importanza di seguire alcuni pratici ma importanti consigli contenuti in un decalogo recentemente pubblicato sui siti internet di alcune amministrazioni locali della zona nonché illustrati nel corso di incontri pubblici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rimini il primo caso di contagio in Romagna

  • Il ristoratore ha ‘esportato’ il virus in Romania, malato un 20enne dipendente del suo locale

  • Coronavirus a Rimini, il malato un cacciatore cattolichino rientrato da una battuta in est Europa

  • Coronavirus, la Regione annuncia due nuovi casi a Rimini. In 40 in isolamento volontario

  • Positivo al Coronavirus, scatta la quarantena per chi è venuto a contatto col cattolichino

  • L'ordinanza: chiuso il ristorante dell'uomo colpito dal Coronavirus e tutti i luoghi di aggregazione

Torna su
RiminiToday è in caricamento