rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca

Troppe truffe bancarie online, la battaglia dei consumatori: "Gli istituti devono rinforzare i sistemi"

La Lega Consumatori di Rimini: "Gli istituti di credito devono migliorare sensibilmente i sistemi di protezione delle proprie piattaforme online. Sono già stati vinti dei ricorsi"

La Lega Consumatori di Rimini denuncia un "incremento esponenziale di truffe bancarie", che colpiscono le operazioni bancarie e i pagamenti con le carte di credito. Numerosi sono i riminesi che si rivolgono settimanalmente allo sportello dell’associazione e in particolare all’avvocato Emanuele Magnani, esperto in materia bancaria finanziaria, in quanto vittime di prelievi illeciti su conti correnti e carte di credito, e alcune di loro hanno deciso di fare ricorso all’Arbitro bancario e finanziario al fine di dimostrare la responsabilità della Banca e ottenere un giusto risarcimento.

Nella gran parte dei casi si tratta di fenomeni chiamati tecnicamente phishing, pharming, smishing e vishing. Il denominatore comune è sempre lo stesso, la vittima viene ingannata camuffando la truffa come comunicazione ufficiale delle Poste o dell’Istituto Bancario. Il phishing è il tentativo di truffa attraverso le comunicazioni via mail. Smishing e vishing, invece, sono delle tecniche che si strutturano attraverso sms e telefono. L’obiettivo è sempre lo stesso: ingannare e tentare di innescare un meccanismo in grado di estorcere dati sensibili come numeri del conto corrente e delle carte di credito.

Non è sempre colpa della vittima di reato. Lo ha affermato in più occasioni l’Arbitro bancario e finanziario di Bologna, adito dal legale, affermando la responsabilità della Banca che non aveva dimostrato di aver adottato un "sistema di protezione forte" che potesse evitare l’imbroglio e restituendo il maltolto all’ignaro correntista.

"Tutti possiamo essere vittime di questi reati, anche persone giovani e preparate. Non c’è un profilo tipo, avendo difeso il laureato professionista, il bancario o il pensionato – afferma l’avvocato Magnani –. I provvedimenti dell’Arbitro riequilibrano il rapporto di debolezza del correntista rispetto agli istituti di credito, che debbono migliorare sensibilmente i sistemi di protezione delle proprie piattaforme online. Non può ricadere solo sulla vittima di reato, la sottrazione di denaro dal suo conto corrente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppe truffe bancarie online, la battaglia dei consumatori: "Gli istituti devono rinforzare i sistemi"

RiminiToday è in caricamento