rotate-mobile
Persone

Lotta contro un cancro al seno, l'annuncio della prof: "Ho una nuova metastasi. Devo arrestare ancora una volta il male"

Colpita da un carcinoma al seno in stadio terminale, ha dato una lezione di vita ai suoi studenti (raccontata nel libro "Cento perle tra le onde"), senza mai gettare la spugna

Continua la battaglia contro il tumore di Luisa Stracqualursi, la professoressa riminese, ricercatrice in statistica e docente al Campus di Forlì, che in questi anni ha portato avanti una dura lotta contro una forma particolarmente aggressiva di cancro al seno. Non arrivano buone notizie dalla pagina Facebook "Luisa Vive": in un recente post la professoressa parla infatti di "una nuova metastasi" rilevata da una biopsia effettuata poco tempo fa. Ma la docente non si arrende: "Nei mesi che seguiranno se ne valuterà l'entità e si potrà capire meglio se vi sono possibilità per arrestare ancora una volta il male".

La storia di Luisa ha commosso tutt'Italia. Colpita da un carcinoma al seno in stadio terminale, ha dato una lezione di vita ai suoi studenti (raccontata nel libro "Cento perle tra le onde"), senza mai gettare la spugna. Per affrontare una trasferta negli Stati Uniti e accedere a una cura basata sull’immunoterapia sperimentale, Luisa non ha esitato a chiedere aiuto e ha lanciato una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma Gofundme. In questa battaglia è stata supportata con raccolte fondi e gesti di solidarietà da parte anche di diversi personaggi famosi, dal mondo dello sport a quello dello spettacolo, fra cui Valentino Rossi. Una sfida che in tanti hanno abbracciato, seguendo passo passo le difficoltà affrontate dalla professoressa con tenacia e coraggio.

Era il 23 novembre del 2020 quando annunciava di essere "riuscita a fermare la malattia". "Non sono clinicamente guarita, ma la malattia che non si arrestava neppure sotto svariate chemioterapie oggi si è fermata - scriveva -. Non ho progressione e da marzo del 2020 ho interrotto la chemioterapia". Lo scorso ottobre un nuovo aggiornamento: "la malattia è in remissione e io sto continuando, con tanta gioia, a insegnare. Oggi la mia quotidianità non è semplice: è fatta di continui esami, visite e controlli, dovuti anche ai nuovi disturbi, purtroppo tutt'altro che trascurabili, derivanti dalle terapie a cui mi sono sottoposta. Cerco però di non far mai venir meno il sorriso. Vi ringrazio, di cuore, perché la vostra vicinanza continua a supportarmi nel cammino da affrontare e le vostre donazioni di allora stanno contribuendo ancora oggi, costantemente e in modo fattivo, alle continue necessità relative alla mia salute".

Poi il Natale ed un nuovo messaggio di speranza: "Oggi più che mai sono convinta che “sostegno e amore reciproco” possano portarci al di là di ogni umana aspettativa". Ora la nuova battaglia: "Io, dal canto mio, posso assicurarvi che continuerò a lottare finchè mi sarà possibile. Mi avete regalato due Natali splendidi: spero di poterne vivere altri ancora. Grazie sempre, di cuore, per le possibilità di cura che mi avete donato e per il tempo che, senza di voi, non avrei mai potuto nemmeno sognare di vivere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta contro un cancro al seno, l'annuncio della prof: "Ho una nuova metastasi. Devo arrestare ancora una volta il male"

RiminiToday è in caricamento