rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Turismo sostenibile, il progetto europeo “Take it slow” entra nel vivo

Mercoledì 17 novembre il terzo incontro del tavolo di lavoro. L’assessore Zangoli: “Connessi alle più avanzate progettualità europee”

Entra nel vivo il progetto europeo “Take it slow” per la promozione del turismo sostenibile nell’area adriatica, al quale i Comuni di Santarcangelo e Pennabilli partecipano, in rappresentanza della Valmarecchia, tramite la Regione Emilia-Romagna. Mercoledì 17 novembre alle 15,30 presso la biblioteca Baldini di Santarcangelo si svolgerà infatti il terzo incontro di confronto del tavolo di lavoro territoriale. “Take it slow” – parte del Programma europeo Italia-Croazia – è un progetto pensato per incrementare il turismo sostenibile e smart all’interno dell’area adriatica, definendo un modello innovativo di gestione integrata tra patrimonio naturale, cultura e territorio, per innescare un livello di alta qualità di servizi e prodotti turistici. La Valmarecchia, insieme alla Valconca, è stata individuata come area dove realizzare misure concrete di diversificazione di prodotti turistici innovativi, basati su siti del patrimonio naturale e culturale attraverso il coinvolgimento dei portatori di interesse del territorio, per costruire un Piano d’azione partecipativo di conservazione e gestione dei beni.
 
Dopo il primo incontro del 14 ottobre scorso – dedicato allo stato attutale del patrimonio naturale e culturale, oltre che alle potenzialità in termini di valorizzazione turistica – il confronto tra gli attori locali interessati è proseguito il 3 novembre e si concluderà mercoledì 17, prima dell’incontro in plenaria che si svolgerà a Pennabilli, presa a riferimento per l’alta valle e l’area del parco mentre Santarcangelo è stata scelta in rappresentanza della bassa Valmarecchia. Il confronto con gli operatori turistici e le attività di Santarcangelo, insieme alla formazione, è condotto da Apt Servizi Emilia-Romagna, con l’obiettivo di definire insieme un modello di gestione dal basso, al fine di promuovere la regione adriatica come destinazione turistica transfrontaliera verde, intelligente, sostenibile, accessibile e lenta.

 
“Grazie alla Regione Emilia-Romagna, ’Take it slow’ ci consente di connetterci alle più avanzate progettualità europee in materia di turismo” dichiara l’assessore al Turismo, Emanuele Zangoli. “L’organicità e la sostenibilità sono due elementi ormai imprescindibili nella formazione della proposta turistica, che per quanto riguarda Santarcangelo sta crescendo e dovrà continuare a farlo nel migliore dei modi, integrandosi pienamente con il territorio e la vita quotidiana dei suoi abitanti. Immaginiamo un’offerta in grado non solo di far scoprire la Valmarecchia ai visitatori, ma anche di farla conoscere meglio a chi ci vive – conclude l’assessore Zangoli – secondo i dettami condivisi di un turismo slow e sostenibile”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo sostenibile, il progetto europeo “Take it slow” entra nel vivo

RiminiToday è in caricamento